Kalinic alla Roma/ Dopo Mkhitaryan, ecco il croato: “Contento di essere tornato”

- Carmine Massimo Balsamo

Nikola Kalinic alla Roma, il vice-Dzeko arriva dall’Atletico Madrid: superate le visite mediche, il croato torna in Italia dopo un anno.

kalinic roma
Nikola Kalinic, Milan-Roma (LaPresse)

Nikola Kalinic alla Roma: dopo Mkhitaryan, un altro colpaccio firmato Petrachi per i giallorossi. Reduce da una stagione tra alti e bassi con l’Atletico Madrid, il croato cerca riscatto in Italia: superate le visite mediche di rito, ora in sede per le firme e l’ufficialità. Un acquisto di esperienza per il reparto avanzato, con il classe 1988 che ricoprirà il ruolo di vice Edin Dzeko. Un ritorno in Serie A per l’ex Fiorentina e Milan, con i due club che hanno raggiunto un’intesa sulla base di un prestito con diritto fissato a 9 milioni di euro. Sbarcato ieri a Fiumicino con un volo da Madrid, Kalinic metterà nero su bianco un contratto da 2,4 milioni di euro netti a stagione e rappresenta uno dei colpi di quest’ultimo giorno di mercato italiano, con la Lupa che ha inoltre ufficializzato l’acquisto del giovane difensore Wiktor Plesnierowicz, classe 2001 che si aggregherà alla formazione Primavera di Alberto De Rossi.

KALINIC ALLA ROMA: UFFICIALITA’ IN ARRIVO

«Sono molto contento di essere tornato in Italia», le prime parole di Nikola Kalinic come nuovo calciatore della Roma, con il Nazionale croato che andrà a completare un pacchetto avanzato ricco e variegato. Lui, come dicevamo, sarà il sostituto dell’intoccabile Dzeko, senza dimenticare l’importante innesto Mkhitaryan per le corsie esterne: il 4-2-3-1 di Fonseca prende forma, con la Lupa a caccia di una vittoria dopo i due pareggi raccolti nelle prime due uscite. Kalinic nell’ultima stagione con i Colchoneros ha raccolto quattro reti e un assist tra Liga, Copa del Rey e Champions League, anche a causa dello scarso minutaggio riservatogli da Diego Simeone, propenso a puntare quasi sempre su Diego Costa e Antoine Griezmann. Una freccia in più per l’arco di Fonseca, non ci resta che attendere l’ufficialità entro le ore 22.00…



© RIPRODUZIONE RISERVATA