Kasia Smutniak: foto con la vitiligine/ “Rendete visibile…”: il post su Instagram

- Dario D'Angelo

Kasia Smutniak: l’attrice mostra in una foto su Instagram la sua vitiligine. Non è la prima volta che mostra al pubblico la sua malattia della pelle.

kasia smutniak vitiligine 2019 instagram
Kasia Smutniak, foto da Instagram

Kasia Smutniak con la vitiligine: l’attrice sta proseguendo la sua campagna di sensibilizzazione nei confronti della malattia che l’ha colpita da alcuni mesi a questa parte. Sorridente, solare, senza paura di mostrare quelle macchie che caratterizzano questa sindrome della pelle, Kasia Smutniak ha pubblicato sulla propria pagina Instagram una frase che racchiude la sua volontà di abbattere le barriere del pregiudizio e di dare coraggio a quanti sono costretti ad affrontare una malattia molto pesante da sopportare soprattutto dal punto di vista psicologico, in particolare se le macchie arrivano ad estendersi fino al volto. Queste la citazione di Robert Bresson, regista francese considerato un maestro del minimalismo, scelta da Kasia: “Rendete visibile quello che, senza di voi, forse non potrebbe mai essere visto”.

Kasia Smutniak e la vitiligine

Non è la prima volta, come detto, che Kasia Smutniak “rende visibile” per tornare alla sua citazione, la sua convivenza con la vitiligine. Già nel mese di agosto, l’attrice era uscita allo scoperto con un post a commento di una foto in cui erano evidenti le tipichi macchie della malattia: “Crescere è anche imparare ad accettare tutto quello che la vita ci porta – aveva scritto – Cose belle, cose che ci vengono facili ma che non dovremmo dare mai per scontate…Ma sopratutto momenti difficili, che ci mettono alla prova, per non perdere il senso dei momenti felici. Insomma tutto. Io, crescendo, ho imparato anche un’altra cosa, accettare non è sufficiente. Bisogna amare i propri difetti! Per gli ultimi 6 anni ho imparato ad accettare e amarmi per quello che sono. È stato un percorso, mica subito… E solo oggi mi sento di condividere questo pensiero con voi”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA