Katia Ricciarelli contro Lucangelo Bracci/ “Sei un ignorante. Stai zitto…”

- Stella Dibenedetto

Scontro in diretta a Io e Te tra Katia Ricciarelli e Pierluigi Diaco sul modo di corteggiare una donna: “Sei un ignorante, stai zitto”.

katia ricciarelli lucangelo brancacci io e te min
Katia Ricciarelli e Lucangelo Brancacci a Io e te - Screenshot da video

Scontro in diretta tra Katia Ricciarelli e Lucangelo Bracci, il disegnatore di Io e Te. Tutto è nato dalla richiesta di aiuto di una trentenne che ha raccontato che, dopo essere uscita a prendere un caffè con un ragazzo da cui è rimasta colpita, si è dichiarata ricevendo, però, il due di picche. Katia Ricciarelli esorta così la ragazza a stare alla larga da chi invita una donna a prendere un caffè e non a cena. “Lei può stare senza quel caffè. Trovi qualcuno che le offre una bella cena, poi va al cinema e così via“, spiega la Ricciarelli convinta che chi invita a bere un caffè stia soltanto “annusando l’aria”, come spiega Pierluigi Diaco mentre chi invita a cena è realmente interessato a conoscere l’altra persona. Lucangelo Bracci, però, si dice in disaccordo convinto che andare a prendere un caffè insieme sia un modo per tentare un primo approccio.

KATIA RICCARELLI CONTRO LUCANGELO BRACCI

Lucangelo Bracci contraddice Katia Ricciarelli.Quando uno chiede di prendere un caffè vuole conoscere l’altra persona”, afferma il disegnatore. “Ma allora invitala a cena”, ribatte la signora Ricciarelli. “Un caffè è meno impegnativo. Poi è ovvio che il caffè ha un valore simbolico”, dice ancora Brancacci. “Allora stai zitto. Ho ragione io. Non s’invita una signora di 30 anni a bere un caffè che è un modo per non impegnarsi“, ribatte la Ricciarelli a cui Lucangelo risponde – “Ma non è vero. E’ un pretesto per chiacchierare, per vedere se si sta bene insieme. Al cinema non si chiacchiera“. “Al cinema si va dopo per stare mano nella mano. Sei proprio ignorante. Io non sono mai andata al cinema con un ragazzo senza dare la manina”, sbotta la Ricicarelli. “Non vado spesso al cinema”, dice ancora Brancacci. “Perchè quando va al cinema disegna”, dice ancora la Ricciarelli. Diaco nota le frecciatine e Katia mette tutto a tacere: “Gli voglio bene”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA