Kikò Nalli colpito da malore: in ospedale/ Poi rassicura: “sto bene, solo stress”

- Stella Dibenedetto

Kikò Nalli colpito da malore mentre era nella sua casa di Sabaudia. Dopo i controlli in ospedale, rassicura tutti: “sto bene, solo forte stress”.

Kikò Nalli
Kikò Nalli nella casa del Grande Fratello 16

Kikò Nalli è stato colpito da malore nelle scorse ore. L’ex marito di Tina Cipollari, come racconta Sabaudia Informa, ha accusatyo un forte dolore al petto mentre si trovava nella sua casa di Sabaudia. In quel frangente, Kikò non era solo in casa. Con lui c’erano dei parenti che hanno immediatamente chiesto l’intervento dei sanitari del 118 i quali, giunti sul posto, hanno trasportato l’hair stylist all’ospedale Goretti di Latina. Inizialmente, a causa del dolore al petto accusato da Nalli, si era pensato ad un infarto, ma dopo tutti i controlli del caso, sono state escluse complicanze. Kikò Nalli avrebbe avuto un innalzamento di pressione. Nulla di grave, fortunatamente, per l’ex concorrente del Grande Fratello che, nelle ultime settimane, è finito al centro del gossip per le foto di Ambra Lombardo e Gaetano Arena.

Kikò Nalli dopo il malore rassicura tutti: “sto bene, è stato solo stress”

Nessun problema grave, fortunatamente, per Kikò Nalli che, dopo essersi spaventato e aver spaventato la propria famiglia, è tornato sui social per rassicurare tutti. “Sto bene, tutto apposto. Era solo un forte stress. Chi crede di vedermi cadere può mettersi l’anima in pace. Io mi rialzo sempre! Grazie a tutti”, ha fatto sapere attraverso una storia su Instagram. Gli esami a cui è stato sottoposto in ospedale hanno escluso complicanze cardiache anche se i medici hanno ritenuto tenerloi in osservazione. Il forte stress a cui è stato sottoposto dopo la partecipazione al Grande Fratello, dunque, ha fatto un brutto scherzo all’ex marito di Tina Cipollari che, però, è pronto a ripartire per continuare a portare in giro per l’Italia le sue doti da hair stylist. Nessun messaggio, invece, da parte di Ambra Lombardo che è rimasta in silenzio sui social.



© RIPRODUZIONE RISERVATA