La Parka è morto/ Video Dopo lunga agonia “polmoni e reni del wrestler hanno ceduto”

- Alessandro Nidi

La Parka è morto (video): addio al wrestler messicano, vittima nel mese di ottobre di un tragico incidente sul ring. Le immagini

la parka youtube
La Parka

La Parka è morto: l’annuncio del decesso del wrestler messicano è giunto direttamente attraverso le pagine del suo account Twitter, gettando nello sconforto milioni di followers e sostenitori del lottatore. Jesús Alfonso Huerta Escoboza (questo il vero nome dell’atleta) è spirato nella giornata di sabato 11 gennaio 2020, a causa dei postumi del grave incidente che, nel mese di ottobre, l’ha visto sfortunato protagonista a Monterrey; nel corso di un combattimento, infatti, La Parka cercò di cogliere di sorpresa il proprio avversario, temporaneamente fuori dal ring, tentando dunque un salto tra le corde per piombargli addosso. Il lottatore, tuttavia, calcolò male le misure, mancando completamente il proprio bersaglio e scontrandosi con violenza con i tabelloni pubblicitari posizionati lì accanto. Dopo una lunga agonia, venerdì le sue condizioni di salute sono drasticamente peggiorate a causa di un’insufficienza renale. Come recita il comunicato stampa ufficiale, “La Parka è stato sottoposto alla respirazione assistita, ma polmoni e reni hanno ceduto”. Un epilogo drammatico per il cinquantaquattrenne, amato da grandi e piccini.

LA PARKA È MORTO: IL MESSICO PIANGE UN ALTRO WRESTLER DOPO EDDIE GUERRERO

La morte di La Parka rinnova e amplifica un dolore mai del tutto sopito in Messico tra gli amanti del wrestling, che oltre 14 anni fa persero un altro loro beniamino: Eddie Guerrero. In verità, quest’ultimo era nato in Texas, ma nelle sue vene scorreva sangue messicano. Il 13 novembre 2005 fu ritrovato privo di vita nella stanza del suo albergo a Minneapolis. L’autopsia rivelò che il decesso fu provocato da un attacco cardiaco; infatti, nel sangue di Eddie furono trovate esclusivamente tracce di aspirina, nonostante in passato Guerrero avesse dichiaratamente fatto uso di sostanze illecite fino agli albori degli anni Duemila. La moglie, Vickie, affermò in quelle tragiche ore che Eddie “si era sentito male nella settimana precedente la sua morte”. Guerrero era noto e amato per il suo personaggio (Latin Heat), che prendeva spunto dalla sua esuberante personalità: il suo motto in WWE era “I lie, I cheat, I steal!” (“Mento, inganno, rubo!”). A questo aspetto folkloristico e divertente si accostavano anche momenti più passionali, nei quali Eddie Guerrero non celava la sua forza d’animo, l’amore verso la sua famiglia e la sua fede inattaccabile e incrollabile.



© RIPRODUZIONE RISERVATA