L’Amica Geniale, storia vera?/ Elena Ferrante e i libri che hanno ispirato la fiction

- Josephine Carinci

L’Amica Geniale è una serie tv Rai amatissima, tratta dai libri di Elena Ferrante: scopriamo di più sulla collana che ha ispirato la fiction

Margherita Mazzucco e Gaia Girace
"L'amica geniale" (Rai, 2020)

L’Amica Geniale è tornata in tv, sulla Rai, con una nuova stagione. La fiction è ispirata ai libri di Elena Ferrante, scrittrice che ha avuto un successo straordinario, conquistando tutti con le storie di Lenù e Lila, in Italia e non soltanto. I libri sono infatti diventati un caso internazionale che ha portato poi all’ideazione di una serie tv, progettata da Saverio Costanzo, che ha diretto anche le prime due stagioni. Successivamente, il prodotto Rai è passato nelle esperte mani di Daniele Lucchetti.

Sulla Rai, anche quest’anno sono dunque tornate le storie e le avvenute di Lenù Greco e Lila Cerullo, interpretate rispettivamente da Margherita Mazzucco da Gaia Girace. La serie tv è arrivata alla terza stagione sulla Rai, mentre i libri scritti e pubblicati da Elena Ferrante sono al momento quattro: “L’amica geniale” pubblicato nel 2011, “Storia del nuovo cognome” pubblicato nel 2012, “Storia di chi fugge e di chi resta” pubblicato nel 2013 e “Storia della bambina perduta” pubblicata nel 2014. Tutti i testi sono ambientati in Campania, prevalentemente nelle strade di Napoli ma anche Ischia e Caserta. L’ambientazione, dunque, è quella partenopea, dove le bambine diventano donne.

L’Amica Geniale: i libri che hanno ispirato la serie tv

L’Amica Geniale sta tenendo incollati davanti alla tv milioni di telespettatori. Lo stesso successo hanno avuto i libri, tanto da diventare un fenomeno mondiale. I testi di Elena Ferrante sono stati tradotti in tante lingue, tra cui ovviamente inglese, diventando famosissimi in Inghilterra e negli Stati Uniti. Andiamo a scoprire di più sui romanzi che hanno ispirato la serie tv.

“L’Amica Geniale” è il primo libro, nel quale Lila e Lenù sono prima bambine e poi adolescenti. Qui vengono presentante le due protagoniste, legate tra di loro da un’amicizia importante che durerà per tutta la vita, nonostante alcuni problemi e momenti di lontananza. Napoli è la città principale, il luogo in cui crescono le due bambine. In “Storia del nuovo cognome” Lila si sposa, ma le cose nel matrimonio non vanno benissimo e dopo aver dato alla luce il figlio Gennaro, si separa. Elena dopo il diploma entra alla Normale di Pisa ma torna a Napoli per incontrare l’amica, dopo aver scritto un libro. Nel terzo libro, “Storia di chi fugge e di chi resta”, le donne si ritrovano e le loro vite prendono pieghe inaspettate. Elena si sposa con Enzo, mentre Lila incontra Pietro ma anche il loro matrimonio sarà destinato a finire. Nell’ultimo testo, “Storia della bambina perduta”, Elena torna a Napoli per stare vicina a Nino, prima diventato suo amante e poi suo compagno. Tra lei e Lila succedono varie cose: le due si allontanano e poi si ritrovano. Lila, al termine del romanzo, decide di sparire.







© RIPRODUZIONE RISERVATA