Lapo Elkann piange Maradona/ “Messi a confronto per nostre dipendenze, lui guerriero”

- Emanuela Longo

Lapo Elkann piange in diretta a Storie Italiane per la morte di Diego Armando Maradona: cosa rappresentava per lui e il confronto per le loro dipendenze

lapo elkann storie italiane 640x300
Lapo Elkann, Storie Italiane

In collegamento con la trasmissione Storie Italiane, nella puntata di oggi anche Lapo Elkann ha voluto ricordare la leggenda del calcio scomparsa nella giornata di ieri, Diego Armando Maradona, al quale era particolarmente legato. Lapo non è riuscito a trattenere le lacrime scoppiando a piangere mentre andavano in onda le immagini di una Napoli distrutta dal dolore. Tornati in studio, la padrona di casa Eleonora Daniele ha subito dato la parola al suo ospite in collegamento, sottolineando la sua grande commozione: “Io sono molto triste umanamente perchè Diego era un uomo con il cuore d’oro, era un uomo particolare che ha sofferto tanto fino all’ultimo giorno, una sofferenza enorme nonostante successo, fama e vittorie”, ha commentato, ribadendo il grande dolore che aveva dentro di sè. “Ha combattuto quello che passano tante persone in giro per il mondo”, ha aggiunto Elkann: “Ha combattuto la povertà, le dipendenze, ha combattuto sempre”, ha proseguito, definendolo per questo “un guerriero del bene, come ha detto il suo avvocato, un guerriero della positività”. Lapo ha poi ricordato come Maradona abbia sempre voluto portare bontà e umanità”.

LAPO ELKANN PIANGE MARADONA A STORIE ITALIANE

Nel corso del collegamento con Storie Italiane, Lapo Elkann ha ricordato le tante difficoltà vissute da Maradona, le stesse che ha vissuto anche lui e molte altre persone nel mondo, portandolo a soffrire talvolta più di altri. “A volte per curare queste sofferenze, lui come io, abbiamo usato cose che ci hanno fatto ancora più male”, ha proseguito, facendo riferimento alla dipendenza di cui anche Lapo ha sofferto. A suo dire, Diego Armando Maradona, umanamente – oltre che professionalmente – è stato per lui “un uomo unico, un amico eccezionale”. Elkann ha rivelato che per Maradona considerava Fidel Castro come un padre, “sono morti lo stesso giorno e probabilmente lassù nei cieli Fidel lo aiuterà e supporterà”. Per via delle loro dipendenze, ha ammesso, spesso lui stesso è stato messo a confronto con Maradona. “Per me è un’icona, il calciatore che ho amato più di tutti, forse non farà piacere a tanti juventini ma non me ne frega niente perchè quando penso a lui mi rivedo in tante cose”, ha proseguito nel suo intervento. Lapo ha ricordato come anche Maradona sia stato sfruttato e usato ma soprattutto non aiutato. Incalzato dalla conduttrice sul ricordo particolare di Maradona, tra gli altri, Lapo ha replicato: “E’ nel mio cuore, non c’è nessuno al mondo che ha il cuore come il suo […] Ieri ho pianto come un bambino, è come se avessi perso un fratello. Molte cose vissute da lui le ho vissute anche io”. “Ci prendevano in giro per le nostre dipendenze”, ha aggiunto ancora nel suo intervento come rammenta Fatto Quotidiano, “Io ero onorato di stare vicino a Diego quando sui social pubblicavano la nostra foto assieme. Sono distrutto. Mi manchi e resti il numero 1 indiscusso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA