REFERENDUM FIAT/ Cgil: autoritarismo non è soluzione. In direttivo applausi per la Fiom

- La Redazione

Il direttivo Cgil approva un documento su Mirafiori: ora battaglia per la rappresentanza.

Camusso_SusannaR400
Susanna Camusso (Foto Imagoeconomica)

È la giornata della vittoria dei “sì”, ma la Fiom esce dal referendum a testa alta. E la Cgil cerca di ritrovarsi unita almeno nell’analisi dei risultati. «L’esito del referendum dimostra che con l’autoritarismo non si risolvono le questioni della condivisione delle scelte e il consenso per un governo dei difficili processi che la crisi e la globalizzazione impongono», si legge nel documento conclusivo del direttivo di oggi. Approvato con 98 voti favorevoli su 114.

La giornata a Corso Italia era iniziata con un faccia a faccia fra il segretario del sindacato Susanna Camusso e il leader Fiom Maurizio Landini. Un incontro «cordiale», dicono dalla confederazione, durato più di un’ora. poi la riunione del direttivo, per fare il bilancio della battaglia referendaria a Mirafiori.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO SUL DIRETTIVO CGIL CLICCANDO SULLA FRECCIA

Il documento definisce il referendum una «battaglia di libertà contro le degenerazioni autoritarie dell’azienda». Un contributo generale alla politica italiana, visto che «La democrazia sindacale è parte integrante della democrazia del Paese».

 

Prossimo obiettivo la battaglia per la rappresentanza sindacale in Fiat, uno dei punti caldi nel dibattito sul referendum: l’obiettivo è mettere «al centro la libertà per i lavoratori di scegliere da chi farsi rappresentare, con regole che sanciscano certezza ed esigibilità negoziale e verifica democratica certificata o referendaria sul mandato e la conclusione degli accordi».

 

Si auspica anche un riavvicinamento tra i sindacati confederali, in rotta dopo lo scontro sull’accordo con Fiat: si deve superare, dice il documento, «la difficile situazione nelle relazioni tra organizzazioni sindacali e tra queste e la rappresentanza delle imprese, incontrata nel corso di questi anni». Intanto però la Cgil si impegna a sostenere unita lo sciopero nazionale dei metalmeccanici indetto per il 28 gennaio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori