Concorsi Pubblici/ Inps, bando 365 posti: scadenza, requisiti e prove d’esame (oggi 8 dicembre 2017)

- Niccolò Magnani

Concorsi Pubblici 2017, ultime notizie e bandi del 8 dicembre: Inps, bando 365 posti, scadenza, requisiti e prove d’esame. Dirigenti scolastici, testo e ultime novità 

tredicesima quota 100 13ma
Lapresse

Come annunciato da Tito Boeri ad inizio dicembre, da qualche giorno è disponibile su Gazzetta Ufficiale il bando di concorso pubblico per l’Inps che ha aperto una prima serie di concorsi titoli ed esami che nel 2018 diverranno molteplici. In particolare, la selezione pubblica dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale è finalizzata al reclutamento di 365 Analisti di processo – Consulenti professionali, da inserire mediante contratti di lavoro a tempo indeterminato. Bando uscito il 27 novembre e in scadenza non prorogabile per le domande d’iscrizione entro le ore 16 del 27 dicembre 2017 utilizzando questa procedura online. Ci sono poi tre prove d’esame da sostenere per l’intero concorso pubblico Inps: la prima sotto forma di tema e incentrata su materie quali diritto costituzionale, scienza delle finanze, contabilità pubblica, diritto civile e amministrativo. La seconda invece dovrebbe prevedere quesiti aperti sui temi di legislazione sociale e diritto del lavoro; da ultimo, la terza sarà orale e riguarderà temi come la statistica, il diritto commerciale e l’ordinamento dell’Inps. Per conoscere tutti i requisiti e le altre informazioni, ecco il testo del bando su Gazzetta Ufficiale.

DIRIGENTI SCOLASTICI, BANDO 2425 POSTI PER PRESIDI

Dicembre è il mese dei concorsi pubblici, con la fine dell’anno che incombe e le ultime possibilità in vista del nuovo anno che fioccano in tutta Italia: nel mondo scuola, decisivo e atteso da mesi, è finalmente arrivato da pochi giorni il bando di concorso per Dirigenti Scolastici, ben 2425 posti di assunzione in tutta Italia, come stanziato dal Miur con l’uscita in Gazzetta Ufficiale del testo lo scorso 29 novembre. La scadenza per la presentazione delle domande arriverà in prossimità di Capodanno, entro e non oltre il 29 dicembre 2017: come ricorda giustamente Orizzonte Scuola, i posti banditi corrispondono ai posti vacanti nell’anno scolastico in corso, più quelli che si renderanno liberi a seguito dei pensionamenti nel 2018/2019, 2019/2020 e 2020/2021, detratti quelli che si possono coprire con le graduatorie esistenti nonché quelli delle scuole sottodimensionata. Sul fronte dei requisiti, i partecipanti dovranno rientrare in questi limiti imposti dal bando di concorso: aver superato l’anno di prova; essere assunti con contratto a tempo indeterminato; aver prestato un servizio di almeno cinque anni nelle istituzioni scolastiche ed educative del sistema nazionale di istruzione; essere in possesso di diploma di laurea magistrale, specialistica o laurea conseguita in base al previgente ordinamento, di diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzionidell’alta formazione artistica, musicale e coreutica ovvero di diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con diploma di istituto secondario superiore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori