Le Iene, Omicidio Vannini: la sentenza/ Video, madre Marina: “Marco figlio di tutti”

- Emanuele Ambrosio

A Le Iene si parla dell’omicidio Vannini e della sentenza del 30 settembre che ha condannato Antonio Ciontoli a 14 anni con l’accusa di omicidio volontario

Omicidio Vannini, la sentenza

A Le Iene si parla dell’omicidio Vannini e della sentenza del 30 settembre che ha condannato Antonio Ciontoli a 14 anni con l’accusa di omicidio volontario, mentre nove anni e 4 mesi di reclusione per concorso anomalo in omicidio volontario ai familiari di Ciontoli. Una sentenza che è arrivata dopo anni di dolore della famiglia di Marco Vannini. L’inviato de Le Iene Giulio Golia ha cercato di avvicinare Antonio Ciontoli prima della sentenza: “perchè non parlare una volta per tutte? Almeno si libera. Oltre alla verità giudiziaria c’è anche la verità storica, penso che sia dovuto. Tante bugie dette”. La madre Marina racconta: “sono 5 anni che stiamo a parlare, non vedo l’ora che viene il 30 settembre con la sentenza”. In tribunale Antonio Ciontoli prima della sentenza chiede di poter parlare: “sono cosciente di essere il solo responsabile, sento sulla mia pelle insopportabile e innaturale accettare la morte di un ragazzo di 20 anni. Marco bello come il sole e buono come il pane. Io in questa maledettissima storia ho distrutto la mia storia. Per me il tempo si è fermato in quel 17 maggio: in pochi minuti ho fatto una serie di errori a catena”.

La sentenza sull’omicidio Vannini: la reazione della madre Marina

La sentenza fa scoppiare in lacrime Marina Conti, la madre di Marco Vannini che a gran voce dice: “Marco è il figlio di tutti, è una guerra vinta da tutti”. Poi i genitori si recano al cimitero per portare i fiori a Marco: “ci passo tanto tempo, comunque qui soprattutto la mattina è per me un momento…Marco prima non stava qua, stava nella cappella di mio cognato, volevo una cosa solo per lui”. Poi spetta al padre Valerio Vannini ricordare il figlio: “con le moto era bravo”, mentre la madre racconta “ora mi aspetto di vivere un lutto come dovrebbe essere vissuto un lutto”. “Questi cinque anni noi abbiamo fatto i combattenti, tutto quello che c’è dietro a Valerio e Marina che chiedono giustizia c’è tutto un lavoro incredibile” – raccontano i genitori di Marco che oggi sono pronti ad aiutare i giovani che non hanno possibilità economiche e che sognano un futuro migliore. Clicca qui per il video servizio dedicato a Marco Vannini.



© RIPRODUZIONE RISERVATA