Le pagelle/ Salernitana-Benevento (0-2): i voti della partita (Serie B 2019)

- Paolo Votino

Le pagelle di Salernitana-Benevento (0-2): i voti della partita (Serie B 2019). Il posticipo della cadetta si chiude con un risultato a sorpresa

Iori Insigne Cittadella Benevento lapresse 2019
Diretta Benevento Cittadella, Serie B 2^ giornata (Foto LaPresse)

E’ terminata con il risultato di zero a due la sfida fra Salernitana e Benevento, posticipo di Serie B: ecco le pagelle e i voti dell’incontro.

VOTO SALERNITANA- BENEVENTO: 6.5
All’Arechi finisce 0-2 il derby tra Salernitana e Benevento, la sfida che chiude la terza giornata del campionato cadetto. Un match giocato con grande intensità, che vale tre punti preziosi per il Benevento.
Parte forte la Salernitana, ma le situazioni più interessanti sono del Benevento con due palle goal pericolose di Coda al 13’ ed Insigne al 34’. La sblocca il Benevento al 61’, con un sinistro potente e preciso di Viola. Raddoppia dopo 4 minuti Sau (65’), bravo a sfruttare un ottimo suggerimento di maggio. Nei minuti conclusivi tenta l’assedio la Salernitana, senza successo.

Di seguito le pagelle con le prestazioni delle squadre, insieme ai voti di arbitro e allenatori.

VOTO SALERNITANA: 5
La Salernitana gioca con un 3-5-2, che cerca di sfruttare la velocità e la qualità dei singoli nelle ripartenze. Partita di luci ed ombre nel primo tempo, con ottimi spunti ma anche disattenzioni che potrebbero costare care alla squadra di Ventura. Prima sconfitta in campionato, in cui dimostra poca personalità a centrocampo e troppi errori in fase difensiva.

VOTO BENEVENTO: 7
Il Benevento, fino a qui a punteggio pieno, a inizio partita sembra subire l’atmosfera dell’Arechi. Si dimostra poi pericoloso in più occasioni, con tanta corsa e ottime azioni corali. La squadra non soffre e segna due reti nel secondo tempo, che valgono alla squadra di Inzaghi tre punti preziosi in trasferta.

VOTO ARBITRO: 7
Eugenio Abbattista – Partita molto sentita, con diversi falli e qualche intervento ruvido. Limita al minimo i suoi interventi e gestisce al meglio una partita insidiosa.

PAGELLE SALERNITANA:
Micai 5.5 – Due goal subiti e qualche errore nei rinvii coi piedi.
Karo 5.5 – Non è in particolare forma fisica, e soffre spesso le accelerazioni avversarie. Sostituito per infortunio. (57’ Kalombo 5.5 non riesce a contenere l’attacco del Benevento)
Migliorini 6 – Il migliore dei suoi in difesa, ma soffre troppo l’attacco avversario.
Jaroszynski 5.5 – Il polacco disputa un buon primo tempo, con numerosi suggerimenti rasoterra in avanti. Cala, come tutti i suoi compagni di reparto, nel secondo.
Cicerelli 5 – In costante difficoltà, subisce eccessivamente la dinamicità degli avversari.
Kiyine 6 – L’esterno sinistro diventa imprendibile quando inizia a dribblare in mezzo al campo. Mette più volte in difficoltà gli avversari, ma aiuta poco in copertura.
Di Tacchio 5 – Il perno del centrocampo compie qualche errore di troppo, in fase difensiva e di impostazione.
Odjer 5.5 – Sostituisce l’infortunato Akpa Akpro ed è fra i peggiori del suo centrocampo. (70’ Maistro 6: entra subito in partita e cerca, per quanto possibile, di dare il suo apporto al match)
Firenze 5.5 – Il fantasista, che di solito conferisce frizzantezza e dinamicità all’azione, non riesce a lasciare il segno in questo derby.
Giannetti 5 – Piuttosto estraneo al gioco d’attacco nel primo tempo, cerca qualche sprizzo nel secondo.
Jallow 5.5 – Il gioiello del Gambia è velocissimo nelle ripartenze, ma non riesce mai ad incidere. (70’ Cerci: 6 dà vitalità alla manovra offensiva)
All. Ventura 5 – Si presenta al derby a punteggio pieno, dopo le vittorie contro Pescara e Cosenza. La Salernitana entra in campo con personalità e determinazione, che però svaniscono col passare dei minuti. I suoi soffrono troppo a centrocampo e in difesa, nonostante un organico di primissimo livello. I maggiori limiti si vedono, ancora una volta, a livello di concentrazione: due goal subiti in 4’ sono davvero troppi per una squadra che ambisce alla promozione.

PAGELLE BENEVENTO:
Montipò 6 – Chiamato raramente in causa, amministra la difesa senza grosse difficoltà.
Maggio 6.5- Il capitano del Benevento gioca d’esperienza, riuscendo a contenere un avversario scomodo come Kiyine. Perfetto l’assist per Sau.
Volta 6.5- Partita più che sufficiente e priva di sbavature.
Caldirola 6.5- Interventi puliti. Bravo a chiudere le incursioni della squadra avversaria sulla sua fascia.
Letizia 6.5- Ottime le sue progressioni, con tanta qualità e corsa. Imprendibile soprattutto quando accelera e si accentra per crossare.
Insigne 7- Sfiora il goal poco dopo la mezz’ora e dà il suo apporto alla partita con giocate di qualità. Si infiamma nel secondo tempo e diventa pericolo in più occasioni. (76’ Improta: 6 dà respiro ai suoi, che avevano speso tanto)
Viola 7- Regista di qualità, gioca per la squadra nel primo tempo e mette la firma al match con una rete splendida al 61’. (92’ Del Pinto: sv)
Tello 6- L’esterno sinistro supporta i compagni di reparto, anche se potrebbe sfruttare di più l’uno contro uno.
Hetemaj 6.5- All’esordio con il Benevento, fa un ottimo lavoro dando ordine al centrocampo.
Sau 6.5- Evanescente fino al goal (65’), un tiro ben angolato su suggerimento di Maggio.
Coda 6.5- E’ sua la prima occasione della partita, con un goal sfiorato dopo 13’. Buono il suo apporto per il gioco di sponda, sempre alla ricerca del dialogo con Sau ed Insigne.
All. Inzaghi 7 – Fresco di due buone prestazioni contro un ottimo Pisa e Cittadella, porta a casa 3 punti preziosissimi. Dispone in campo un’ottima squadra, che domina il primo tempo e segna due reti importanti nel secondo. Bravo a gestire i suoi in una trasferta tutt’altro che semplice contro un avversario ostico e di livello come la Salernitana.

Migliore in campo e peggiore in campo
Viola è il migliore in campo. Domina il centrocampo con personalità ed impreziosisce un’ottima prestazione con un goal di gran classe.
Cicerelli gioca una partita da dimenticare, di certo non all’altezza delle sue precedenti prestazioni. Soffre troppo le incursioni avversarie, dimostrando eccessiva timidezza anche sulla fascia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA