Liberi Tutti/ Anticipazioni 23 maggio: Riccardo commette un reato? (Replica)

- Morgan K. Barraco

Liberi Tutti, anticipazioni 23 maggio 2020, in replica su Rai 3. Michele invia Riccardo a corrompere qualcuno; Mario confessa un segreto sul Nido.

Liberi tutti
Liberi tutti, in replica su Rai 3.
Pubblicità

LIBERI TUTTI, DOVE SIAMO RIMASTI

Nella seconda serata di Rai 3 di oggi, sabato 23 maggio 2020, verranno trasmessi due episodi in replica di Liberi Tutti. Saranno il quinto e il sesto, dal titolo “Cosa c’è sotto?” e “Caffè e cornetto?“. Prima di scoprire le anticipazioni, ecco dove siamo arrivati la scorsa settimana: Michele (Giorgio Tirabassi) viene svegliato in piena notte: Riccardo (Thomas Trabacchi) ha bisogno di alcuni attrezzi per soccorrere Lapo, rimasto a piedi con il furgone. Il giorno seguente, Eleonora (Anita Caprioli) costringe l’ex marito a impegnarsi nelle attività del Nido. L’avvocato scopre così la possibilità di usare il computer con una scusa e mettersi in contatto con il suo avvocato. Iolde (Rosanna Gentili) però travisa le sue intenzioni e inizia a credere che fra loro ci sia qualcosa di speciale. L’avvocato riferisce poi a Michele di aver trovato la possibilità di farlo scarcerare. La cattura di un pregiudicato infatti migliorerà la sua situazione giudiziaria. Quella sera, Michele scopre che Chiara ha un fidanzato, Marcello, un ragazzo giovane che in apparenza sembra molto più grande della figlia. La cena però viene interrotta dall’arrivo della Polizia: l’avvocato non è riuscito a scarcerarlo. Più tardi, Chiara confessa al padre di sentirsi costretta al Nido e sognare di andare a vivere in un condominio come le amiche. Michele convince la figlia ad andare a ritirare un abito a cui è molto affezionato.

Pubblicità

In realtà nelle fiction Liberi tutti il sarto consegna alla ragazza una giacca con all’interno molti soldi. Intanto, il Nido si riunisce ed Eleonora decide di rivelare che la struttura non è passata al test inquinamento. Gli ospiti sono furiosi, soprattutto perchè Michele era uno dei pochi ad essere a conoscenza del problema. L’avvocato però rivela di avere la situazione sotto controllo: chiamerà un’impresa di pulizie che si occupa di questo e che risolverà tutto in una sola notte. Il Consiglio però vota contro l’iniziativa di Michele: viene chiamato un altro gruppo che conosce un altro dei residenti. Più tardi, Michele regala alla figlia 600 euro ed Eleonora si infuria quando lo scopre. Prima però Iolde confessa ad Eleonora di provare un interesse amoroso per Michele. E di essere pure sicura che lui ricambi. Durante il pranzo, l’avvocato interviene invece per difendere Mario (Ugo Digheiro) dalle persone che ha chiamato per la bonifica. Alla luce del suo gesto, Mario accetta che sia Michele ad occuparsi del problema. Quella notte, Iolde convince Michele a bersi qualcosa insieme. Per la prima volta non si tratta di acqua e aceto.

LIBERI TUTTI ANTICIPAZIONI DEL 23 MAGGIO 2020

Scopriamo le anticipazioni della puntata di oggi di Liberi tutti

Pubblicità

EPISODIO 5, “COSA C’È SOTTO?” – L’Arpa annuncia una visita imminente per controllare lo stato dei terreni. Michele è sempre più convinto che dietro ci sia quel finto Principe di Filicudi che ha fatto causa al Nido. A poche ore di distanza dall’incontro, la famosa ditta notturna ultima la soluzione chimica per la bonifica. Intanto, le spie vengono messe sotto torchio dalla loro mandante: devono riuscire ad ottenere informazioni utili dall’avvocato. Riccardo invece impone a Chiara di andare a dormire dai nonni per evitare che respiri le sostanze nocive usate per la bonifica. Lapo intanto organizza un picchetto per fermare i tecnici dell’Arpa ed evitare che possano entrare nella struttura.

EPISODIO 6, “CAFFÈ E CORNETTO?” – Mario è costretto a confessare: sapeva da tempo dell’esistenza della lastra nel terreno. Michele consiglia a Riccardo di dare una mazzetta a qualcuno dell’Asl per bloccare tutto. Iolde invece continua a provare un forte interesse per Michele e decide di baciarlo mentre sta riposando in giardino. Intanto, Riccardo scambia l’amico di Michele per un semplice cittadino e si ferma appena in tempo, prima di dargli i soldi. Al Nido la situazione si complica: un gruppo della prima media è arrivato nella struttura per una visita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità