Lil Uzi/ Il rap schiaccia uno scarafaggio e lo lancia sul pubblico: scoppia il caos

- Valentina Masciolini

Lil Uzi, uno noto rapper, ha avuto un piccolo inconveniente sul palco: un grosso scarafaggio ha interrotto la sua esibizione ma lui lo schiaccia e lo lancia sul pubblico

Lil Uzi
Lil Uzi

Lil Uzi lancia uno scarafaggio sul pubblico: il video è virale

Il noto rapper americano Lil Uzi è stato protagonista di una piccola disavventura che si è trasformata in una scenetta divertente. L’artista era intento ad esibirsi in un suo concerto, ma nel pieno della serata un grande scarafaggio si presenta sul palco e lo mette in difficoltà. Il rapper cerca pian piano di schiacciare l’insetto, con la paura che potesse volare.

Il pubblico lo incita e, alla fine, il cantante lo schiaccia; fin qui tutto bene, se non fosse che gli venga in mente l’idea di raccogliere lo scarafaggio e di lanciarlo sul pubblico. Con tanto di risatina compiaciuta, il rapper americano fa un brutto scherzo ai suoi fan venuti per assistere alla sua performance. Il video che gira sul web è diventato virale ma non tutti avrebbero voluto essere presenti in quel momento, mentre altri hanno preso tutto come uno scherzo di cui ridere. “Non puoi arrabbiarti se ti sorride in quel modo”, “Solo per come ha sorriso dopo non me la sarei presa ahahhahah”, sono solo pochi dei commenti positivi al gesto simpatico dell’artista. Ecco il video:

Lil Uzi cambia i pronomi su Instagram per dare sostegno ai “no binary”

Scarafaggi a parte, Lil Uzi è molto noto anche per il suo sostegno alle comunità LGBTQ+. In molte le iniziative solidali che il rapper americano ha organizzato per sensibilizzare l’opinione pubblica alla tolleranza. Dai look audaci color arcobaleno durante il mese del Pride, agli outfit no gender, l’artista si è sempre fatto promotore della “diversità” intesa come “normalità”.

Il suo ultimo gesto è stato quello di aggiornare il suo profilo Instagram per includere i pronomi loro/loro; un omaggio a tutti colori che si identificano come non binari e che utilizzano proprio quei pronomi per rappresentare ed essere se stessi con libertà.





© RIPRODUZIONE RISERVATA