L’île du rêve/ I tremori del giovane Reynaldo

- Giuseppe Pennisi

Esce su cd  L’île du rêve di Reynaldo Hahn registrato dal vivo a Monaco di Baviera

maxresdefault 640x300
Immagine del cd

Nel 2019, per diversi mesi, il soprano Diana Damrau e il virtuoso dell’arpa Xavier de Maistre hanno portato in tournée un concerto di lieder e arpa in diversi teatri e sale da concerto: l’ho ascoltato a Salisburgo e recensito in questa testata nel settembre 2019. Il programma includeva canzoni di Reynaldo Hahn (1874-1947), un compositore venezuelano naturalizzato francese. Al giorno d’oggi, è conosciuto soprattutto per le sue mélodies e come organizzatore musicale durante la prima metà del ventesimo secolo. Il Palazzetto Bru-Zane – Centre de musique romantique française è stato in prima linea nella sua riscoperta. L’anno scorso è stato pubblicato un libro di quattro CD con tutte le sue melodie; il 23 ottobre 2020, la prima registrazione della sua opera L’île du rêve ha raggiunto i negozi di dischi. La registrazione è stata effettuata a Monaco di Baviera nel Prinzregententheater, dove due spettacoli dell’opera, in versione da concerto, sono stati rappresentati nel gennaio 2020. Il vivace e preciso Hervé Niquet conduce il Mancher Rundfunkorchester. Il coro era il francese Choer du Concert Spirituel. Due star di rango internazionale, Hélène Guilmette e Cyrille Dubois, sono i protagonisti. Negli altri ruoli Anaik Morel, Artavazd Sargsyan, Ludivine Gombert e Thomas Dolié.

Prima di parlare del CD, poche righe su Hahn e l’opera che compose quando aveva solo diciassette anni e studiava con Jules Massenet. La famiglia di Hahn si trasferì a Parigi quando Reynaldo aveva tre anni. Anche se in gioventù mostrò interesse per la musica nativa di Caracas, la Francia avrebbe determinato e definito l’identità musicale di Hahn. Bambino prodigio, Reynaldo ha fatto il suo debutto nel salone dell’eccentrica principessa Mathilde – nipote di Napoleone, accompagnandola al pianoforte mentre cantava arie di Jacques Offenbach. All’età di otto anni, Hahn compose le sue prime canzoni. Entrò nel Conservatorio all’età di dieci anni. Come molti altri compositori di canzoni francesi dell’epoca, fu attratto dalla poesia di Victor Hugo. Molte delle caratteristiche della musica di Hahn sono già evidenti in ‘Si mes vers’: l’accompagnamento ondulato del pianoforte, la linea vocale derivata dai modelli e dall’intimità del discorso, gli intervalli e le cadenze sorprendenti, la mezza voce sapientemente posizionata e la raffinatezza e la profondità del sentimento – tanto più impressionante perché aveva solo tredici anni quando lo compose. Era molto apprezzato dai suoi insegnanti, ma non poteva competere per il tanto ricercato Prix de Rome perché era uno straniero – ha acquisito la cittadinanza francese nel 1909. Inoltre, era mezzo ebreo – quelli erano gli anni di L’affaire Dreyfus; in Francia l’antisemitismo è spesso stato una caratteristica del Paese.

La breve opera in tre atti, della durata complessiva di circa un’ora, è basata su un romanzo di Pierre Loti, lo pseudonimo di un ufficiale di marina, viaggiatore e scrittore che ha esplorato soprattutto l’Estremo Oriente. A quel tempo, l’oriente era un soggetto di romanzi, opere teatrali e musicali, nonché arti visive. L’opera ha debuttato all’Opéra Comique il 23 marzo 1898. Ha avuto buone recensioni, ma solo nove spettacoli. Non ha aiutato il fatto che il compositore fosse un adolescente venezuelano con sangue ebraico. L’opera è stata ripresa a Cannes nel 1942, dove Hahn era direttore musicale del Casinò come rifugiato. L’opera è stata messa in scena di nuovo in Papatee nel 2000 e nel 2016 a Rochefort e nel Théàtre de l’Athénée a Parigi. Hahn ottenne il suo tanto desiderato lavoro di direttore dell’Opéra di Parigi dopo la liberazione nel 1945, ma morì due anni dopo a causa di un tumore al cervello.

La trama è un semplice idillio polinesiano del matrimonio del viaggiatore Loti con la principessa Mahénu. Ci sono alcune complicazioni perché la principessa ha un ridicolo corteggiatore cinese, Tsen-Lee, e più significativamente, non può lasciare l’isola dei sogni con suo marito senza rompere un incanto. Così, gli amanti devono separarsi senza dire addio. La caratteristica interessante è che nella partitura c’è più Debussy e più Puccini di Massenet. Colori che ricordano Debussy possono, per esempio, essere trovati nell’introduzione all’isola magica, così come nel duetto alla fine del primo atto e nel preludio e nel coro del terzo atto.

Non so se a quel tempo il giovane Hahn conosceva Manon Lescaut la cui partitura fu pubblicata da Ricordi nel 1893. Ho trovato registrazioni di spettacoli dell’opera di Puccini in Belgio, ma non a Parigi prima della composizione de L’île du rève. In tutta L’île du rève c’è sia la sensualità che il sogno di un mondo primitivo ma magico. Come sempre in questa collezione, prodotta dal Palazzetto Bru- Zane – Centre de musique romantique française, cantanti, orchestra e coro sono di prim’ordine. Ci sarà una rinascita di L’île du rève ? Sarebbe perfetta in un piccolo teatro, come il Teatro Palladium di Roma dove le proiezioni dei dipinti di Gaugin fornirebbe scene ideali a basso costo. Nel frattempo, possiamo ascoltare questo piccolo gioiello di un adolescente, probabilmente innamorato, pieno di tremori ed in esplosione ormonale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA