Lorella Cuccarini “Matano ego sfrenato e maschilista”/ Gelo e saluti a metà, sul web…

- Hedda Hopper

Lorella Cuccarini “Alberto Matano, ego sfrenato e maschilista”, lettera shock per il suo addio a La Vita in Diretta, tensione palpabile in studio

lorella cuccarini
Lorella Cuccarini

Tensione più che palpabile nell’ultima puntata stagionale de La Vita in Diretta, durante la quale è letteralmente piombato il gelo tra i due padroni di casa, Alberto Matano e Lorella Cuccarini. Atmosfera inevitabile dopo le parole al veleno giunte proprio dalla bionda conduttrice e a quanto pare rivolte al suo ex collega. I due, nel corso della puntata hanno approfittato in diversi momenti per salutare e ringraziare il loro pubblico e gli addetti ai lavori. Nessuno, però, fino alla fine ha voluto rivolgere un saluto né parole di stima al collega. Così fino a pochissimi minuti prima della chiusura, quando Matano ha spiazzato tutti con le sue parole: “ci abbiamo messo passione, cuore, grazie di cuore… e grazie anche a te Lorella”. Ed intanto su Twitter impazza l’hashtag a sostegno della conduttrice #iostoconlorella, ma in realtà i commenti sono discordanti. Si passa da chi scrive: “Lorella Cuccarini è sempre stata una grande professionista nel mondo dello spettacolo. Escluderla dai palinsesti Rai per le sue idee politiche mi sembra molto triste. E i commenti offensivi e falsi contro di lei lasciano ancora di più l’amaro in bocca”. A chi ribadisce: ” me Lorella non è mai piaciuta, a pelle, da quando faceva la pubblicità alle cucine. Ma sono di parte, perché ho sempre amato Heater Parisi, più brava e più bella”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

GELO IN STUDIO E NESSUN SALUTO

Gelo in studio e nessun saluto tra Lorella Cuccarini e Alberto Matano alla fine della puntata de La vita in diretta in onda oggi. L’ultima per la Cuccarini che ha infatti ringraziato il pubblico a casa: “Grazie a voi a casa, telespettatori e telespettatrici, perché avete premiato questo programma, perché l’avete apprezzato, grazie per l’affetto profondo che avete dimostrato nei nostri confronti, in maniera particolare grazie per il sostegno e l’affetto che mi avete dimostrato in queste ultime settimane.” La conduttrice ha poi aggiunto: “Io non so dove, non so quando ci ritroveremo, però vorrei che voi sapeste che per me è stato un vero privilegio poter fare per un anno vero servizio pubblico e soprattutto per essere stata al vostro fianco ogni giorno in un anno difficile”. Una chiusura fatta ignorando totalmente il collega. (Aggiornamento di Anna Montesano)

LE REDATTRICI ATTACCANO LA CUCCARINI

Di fronte alle dichiarazioni di Lorella Cuccarini, le colleghe della redazione di La vita in diretta hanno deciso di scrivere una lettera aperta pubblicata da Dagospia e indirizzata proprio alla conduttrice, prendendo le difese di Matano. “Cara Lorella, – inizia la lettera – dopo aver letto la tua mail, arrivata a ridosso dell’ultima puntata del programma, abbiamo provato smarrimento e incredulità per le tue parole.” E infatti specificano che: “Abbiamo lavorato per tutta la stagione invernale in questo programma e siamo sorprese e amareggiate e, stentiamo ancora a credere, alle accuse di maschilismo rivolte ad Alberto.” E chiariscono: “La nostra esperienza di lavoro con lui è stata caratterizzata da rispetto e riconoscimento professionale. Da grande giornalista, Alberto ha saputo valorizzare ognuno di noi nel proprio ruolo, con passione, generosità e intelligenza, avendo sempre come obiettivo la qualità del programma. In bocca al lupo!” A scrivere la lettera Maria Graziano Maria Teresa di Furia Elena Martelli Ilenia Petracalvina  Shaila Risolo Raffaella Longobardi Lucia Loffredo Lucilla Masucci Simona Giampaoli Sonia Petruso Erika Tuccino Mara Pannone Sara Verta Donatella Cupertino. (Aggiornamento di Anna Montesano)

DIACO E SOTTILE DALLA PARTE DELLA CUCCARINI

Le parole di Lorella Cuccarini contro Alberto Matano hanno fatto il giro del web. In attesa dell’ultimo appuntamento dell’anno con La vita in diretta, molti colleghi hanno preso posizione sull’addio della conduttrice e sull’attacco nei confronti dell’ex volto del Tg1, definito maschilista. Pierluigi Diaco si è schierata al fianco della Cuccarini: «È una professionista che lavora con passione e correttezza. Le auguro che la vita professionale continui a darle ciò che merita». Idem Salvo Sottile: «È una grande professionista. C’è ancora spazio per lei. Usare l’alibi della politica per annacquare 30 anni di mestiere lo trovo ingiusto». Emma D’Aquino ha invece preso le difese di Matano, riporta Il Giornale: «Ho condiviso non solo una minuscola stanza con Alberto Matano ma anni di conquiste e crescite professionali. Definirlo maschilista da ego sfrenato fa un torto a chi lo pensa e lo scrive». (Aggiornamento di MB)

LORELLA CUCCARINI VS ALBERTO MATANO!

Addio al veleno da parte di Lorella Cuccarini a La Vita in Diretta. Nei giorni scorsi si è parlato del suo addio al programma pomeridiano di Rai1 che tornerà nella prossima stagione solo con Alberto Matano, almeno così sembra, e senza Lorella Cuccarini. In un primo momento sul direttore Coletta si è abbattuto lo spettro della politica ma, a quanto pare, c’è ben altro sotto e, forse, proprio la coppia scoppiata di conduttori. Le rivelazioni shock della conduttrice lasciano pensare che alla base di tutto ci sia proprio il poco feeling tra i due e, addirittura, l’antipatia della Cuccarini ai danni di Matano. Leggo.it ha pubblicato una lettera che la ballerina, attrice e conduttrice ha scritto e inviato ai suoi collaboratori per dire loro addio ma senza evitare una valanga di insulti ai danni del suo collega, o almeno così sembra anche se lei non fa mai direttamente il suo nome.

LORELLA CUCCARINI AL VELENO CONTRO ALBERTO MATANO?

Ma cosa ha scritto di così sconvolgente Lorella Cuccarini? Nella lettera si legge: “C’è una ‘prima volta’ alla quale non ero preparata: il confronto con l’ego sfrenato e – sì, diciamolo pure – con l’insospettabile maschilismo di un collega di lavoro. Esercitato più o meno sottilmente, ma con determinazione. Costantemente. Talvolta alternato ad incredibili (e mai credute) dichiarazioni pubbliche di stima nei miei riguardi…E se si volesse cercare il perché di tutto questo, non sarebbe certo necessario rivolgersi alla Bruzzone (…) ho conosciuto prevaricazioni di questo tipo solo ora, a 55 anni”. I due apparivano in video spesso in sintonia e pieni di complimenti l’uno per l’altra, come andrà a finire adesso?

© RIPRODUZIONE RISERVATA