Luca Abete/ “Ho accumulato 90 giorni di prognosi da quando lavoro per Striscia!”

- Alessandro Nidi

Luca Abete a “Trends&Celebrities” su Rtl 102.5 News ha rivelato che a “Striscia la Notizia” “all’inizio buttavano via ogni servizio che realizzavo”

fredella luca abete 640x300
Francesco Fredella e Luca Abete (Trends&Celebrities, 2022)

Luca Abete è intervenuto in qualità di ospite ai microfoni di “Trends&Celebrities”, trasmissione di Rtl 102.5 News andata in onda nel pomeriggio di lunedì 9 maggio 2022 e condotta da Francesco Fredella e Alessandra Vatta. L’inviato di “Striscia la Notizia” ha rivelato di essere in vetta a una speciale e poco ambita graduatoria da quando lavora per il tg satirico di Antonio Ricci: “Sono al primo posto per numero di giorni di prognosi racimolati in questa esperienza cominciata nel 2005. Erano 85 fino a Natale, poi a febbraio abbiamo preso nuovamente mazzate e siamo arrivati a 90”.

Tuttavia, Luca Abete dice di essere tutt’altro che coraggioso: “Svengo quando faccio le analisi del sangue e quando vedo l’ago ho paura. Vengo dall’associazionismo, ho fatto il clown per tanti anni… La grande battaglia che abbiamo portato avanti a ‘Striscia la Notizia’ per fare scoprire il dramma della Terra dei Fuochi è una delle cose che mi porto dentro. Mi dicevano che quattro fuocherelli non erano niente e invece…”.

LUCA ABETE: “LAUREA IN ARCHITETTURA? MI MANCA LA TESI DA ANNI”

Nel prosieguo dell’intervista concessa a Rtl 102.5 News, Luca Abete ha ricordato quando vinse il concorso per i nuovi inviati, risultando il più votato sul sito di “Striscia la Notizia”. Per due anni fu apprendista inviato e “la maggior parte dei servizi venivano buttati. Ho approfittato di quel periodo per perfezionarmi, per diventare più bravo e per farmi trovare sempre pronto quando mi chiamavano”.

Secondo lui, “non ci ferma nessuno” deve essere “l’urlo di battaglia di tutti coloro che non mollano. Oggi ho creato una community nella quale i ragazzi si confrontano, si raccontano storie credibili alla quale aggrappare la propria fiducia. Soprattutto la pandemia ha messo a dura prova molti giovani”. Infine, il titolo di studio solo sfiorato, ma che potrebbe arrivare: la laurea in Architettura. Luca Abete, a tal proposito, ha rivelato: “Non so quando darò la tesi, che avevo cominciato a scrivere e che poi ho perso per strada, non so nemmeno dove sia finita, ma prima o poi…”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA