Luca Argentero/ “Sono orgoglioso di interpretare un medico” (Doc, nelle tue mani)

- Emanuele Ambrosio

Luca Argentero torna in tv nella serie “Doc-Nelle tue mani” dove interpreta il medico Pierdante Piccioni: “sono orgoglioso di questo ruolo”

Luca Argentero
Luca Argentero (Instagram, 2019)

Luca Argentero torna in tv nella serie “Doc-Nelle tue mani” in onda da giovedì 26 marzo 2020 in prima serata su Rai1. L’ex concorrente del Grande Fratello interpreta il ruolo di Pierdante Piccioni, un dottore attualmente impegnato nella lotta contro il Coronavirus. “E’ una storia vera e incredibile” ha commentato l’attore durante il collegamento video con Mara Venier a Domenica In dove ha presentato la serie ispirata alla storia del medico Pierdante Piccioni. Una storia al momento rimasta però a metà visto che l’emergenza sanitaria da Coronavirus ha costretto la produzione a interrompere le riprese come ha raccontato lo stesso attore: “tra marzo e aprile andranno in onda le prime quattro puntate della serie. Le restanti quattro verranno trasmesse in autunno”. Argentero è molto entusiasta di questo ruolo che arriva in televisione in un momento davvero molto critico e difficile per l’Italia e il resto del mondo chiamati a contare, ogni giorni, le vittime del Covid 19.

Luca Argentero: “Ho avuto la fortuna di conoscere Pierdante Piccioni”

Luca Argentero è felice di interpretare il ruolo di Pierdante Piccioni nella nuova fiction di Raiuno “Doc – Nelle tue mani su cui ha rivelato: “È una storia vera e incredibile. Ho avuto la fortuna di conoscere Pierdante Piccioni. È un primario che lavora tra Lodi e Codogno. Nella realtà ha avuto un incidente, nella fiction Andrea Fanti riceve un colpo di pistola alla testa e perde 12 anni di memoria”. Sui social l’attore ha anche precisato: “per mesi abbiamo provato a ricreare la vita di un reparto, oggi è tutto più reale. È il nostro omaggio». Perchè «il lavoro del medico è una professione che si avvicina molto a una missione”. Nella fiction il personaggio si chiama Andrea Fanti, ma Argentero ci tiene a precisare sul suo ruolo: “è il medico che tutti vorremmo incontrare entrando in un ospedale. E la cosa ancora più bella è che questo personaggio è ispirato ad un medico che esiste realmente e che è impegnato in questo momento a Lodi nella lotta al coronavirus”. Intervistato dall’Adnkronos l’attore ha precisato come la messa in onda di questa serie arrivi in un momento storico mai così difficile per l’Italia e i cittadini. “È proprio il momento giusto per raccontare un’eccellenza che in questi giorni è sotto gli occhi di tutti ma che esiste da sempre” – ha detto l’attore precisando – “di solito di medici purtroppo si parla quando qualcosa va male, non si raccontano le centinaia di migliaia di volte in cui le cose vanno bene. Perché non fa notizia la normalità. Oggi li chiamiamo eroi ma lo sono sempre. Oggi abbiamo capito che fare il medico non è un mestiere ma una vocazione”.

Luca Argentero sul Coronavirus: “sono stato preso un po’ alla sprovvista”

Luca Argentero ha parlato anche del Coronavirus raccontando: “come tutti, anche io all’inizio sono stato preso un po’ alla sprovvista. E questa realtà così inimmaginabile qualche tempo fa mi ha colpito ancora più intensamente dopo aver girato questa serie. Perché tutti, dai registi agli attori, abbiamo fatto un training al Policlinico Gemelli di Roma. Ci siamo immersi in quella realtà da osservatori privilegiati, che era l’unica maniera per sperare di essere minimamente credibili”. L’ex concorrente del Grande Fratello sta vivendo questi giorni di isolamento in compagnia della fidanzata Cristina Marino che presto lo renderà papà per la prima volta. “Avremmo preferito un’atmosfera un po’ più rilassata ma forse non c’è una situazione più giusta di questa per proiettarsi nel futuro. La nostra sarà la ripartenza migliore che esista al mondo” ha detto l’attore a Domenica In che sulla compagna ha rivelato: “Cristina è la mia personal trainer da quando la conosco, quindi mi tiene sempre in allenamento”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA