Luca Bizzarri vs M5s/ Voto Rousseau “Elettori presi per il cu*o: era tutta una balla”

- Raffaele Graziano Flore

Luca Bizzarri attacca il M5s dopo il voto su Rousseau: “Ma quelli di voi che hanno creduto non si sentono presi per il cu*o?”. L’attore: “Era una balla: ora siete col partito di Bibbiano…”

Luca Bizzarri
Luca Bizzarri (Web, 2020)

Luca Bizzarri attacca il Movimento 5 Stelle. Il 49enne attore comico e cabarettista, già in passato molto critico verso la creatura di Beppe Grillo, ha quest’oggi ironizzato attraverso il proprio profilo Twitter sull’atteso voto della piattaforma Rousseau con cui il capo politico Vito Crimi aveva proposto agli iscritti due quesiti riguardanti l’eventuale modifica del “mandato zero” e l’approvazione delle alleanze con altri partiti. E il risultato, secondo molti osservatori, sancisce una sorta di mutazione genetica del M5S che vede cadere due dei capisaldi delle origini: “Non vi sentite presi per il c…?” punge in questo modo Bizzarri gli elettori del Movimento, chiedendosi quale sia lo stato d’animo dello zoccolo duro grillino dopo questa decisa svolta a U. “Ma quelli di voi (ci sono) che hanno creduto, si sono spesi e hanno subito lo scherno di quelli come me, che hanno sperato, oggi, dopo un voto online il 14/8 che sancisce che era tutta una balla e che sarete alleati col partito di Bibbiano, ecco, non si sentono presi per il c…?”.

LUCA BIZZARRI, “VOI CHE AVETE CREDUTO NEL M5S NON VI SENTITE PRESI PER IL CU*O?”

Commentando i risultati del voto avvenuto in data odierna su Rousseau, Bizzarri sembra chiedersi, e chiedere ai suoi follower che sostengono il Movimento, cosa sia rimasto della creatura di Grillo delle origini e perché accettino che due decisioni così importanti e che ne modificano per sempre la stessa struttura vengano prese in una assolata giornata agostana e in cui l’affluenza non è stata alta come sarebbe potuto essere in altre circostanze. Stando ai risultati, il punto relativo al “mandato zero” ha riscosso un’approvazione consistente (oltre l’80% delle preferenze su 50mila votanti), mentre pare che più divisivo sia stato il quesito riguardante le alleanze dove il “Sì” è passato ma con meno del 60% dei voti. In risposta al tweet di Bizzarri sono arrivati già molti commenti, molti dei quali vedono l’elettorato pentastellato criticare l’uscita dell’attore sostenendo a loro dire che la sopravvivenza politica deve avere il sopravvento oppure che i principi di fondo del Movimento stesso rimangono intatti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA