Luca Ward: da Russell Crowe, Keanu Reeves a Brandon Lee/ Tutte sue ‘mille’ voci

- Emanuele Ambrosio

Luca Ward è uno dei doppiatori italiani più famosi e richiesti: la sua voce è quella di Russel Crowe ne Il Gladiatore, ma anche quella di Brandon Lee ne Il Corvo

Luca Ward 640x300
Luca Ward a Vieni da me

Luca Ward è pronto per una nuova avventura: quella di Tale e Quale Show 2020, anche se la sua più grande passione resta il cinema e il doppiaggio. Impossibile non aver mai sentito la sua voce visto che ha doppiato grandissimi attori internazionale: da Pierce Brosnan a Samuel L. Jackson, da Russell Crowe a Keanu Reeves e la lista è davvero lunghissima. Per chi non lo sapesse (impossibile), la voce di Luca Ward è quella di Russel Crowe nel film “Premio Oscar” “Il gladiatore”, ma anche quella di Samuel L. Jackson nel film cult “Pulp Fiction” di Quentin Tarantino. E ancora: il doppiatore ha prestato la voce anche all’attore Keanu Reeves nella trilogia campione di incassi al cinema “Matrix” e in ben quattro film – episodi di James Bond interpretato da Pierce Brosnan.

Luca Ward doppiatore di Hugh Grant e Brandon Lee

Non solo film storici nella lunga carriera di Luca Ward, doppiatore e attore di successo, che nella sua carriera si è confrontato anche con pellicole più leggere come “Il diario di Bridget Jones” dove ha doppiato il protagonista Hugh Grant. In pochi sanno che Ward ha doppiato anche Brandon Lee nel bellissimo film “Il corvo”. Un destino in parte segnato quello di Luca Ward nato in una famiglia d’arte: il padre era l’attore Aleardo Ward, mentre il nonno Carlo Romano è stato un attore, sceneggiatore e doppiatore italiano. “Il mondo dello spettacolo non mi attraeva e mi faceva molta paura, avevo visto tanta fame. È un mestiere aleatorio e io volevo fare qualcosa di solido” ha detto l’attore e doppiatore in una delle intervista rilasciate alla stampa palesando il suo iniziale interesse a puntare ad una carriera diversa. Alla fine però l’incontro con Pino Locchi, voce storica di Sean Connery l’ha portato a cambiare idea. Con Locchi, infatti, Ward visita uno degli studi di doppiaggio più importanti ed è stato amore a prima vista con il microfono!

© RIPRODUZIONE RISERVATA