Luchè/ Video “Sono sempre stato un artista sottovalutato” (Music Awards)

- Emanuele Ambrosio

Luchè ai Music Awards 2019 con l’album “Potere: “Mi hanno detto che non sarei mai andato da nessuna parte, pochi hanno scommesso su di me”

Luchè ai Music Awards 2019

Luchè è uno dei protagonisti dei Music Awards, la manifestazione musicale condotta da Carlo Conti e Vanessa Incontrada in prima serata martedì 3 e mercoledì 4 giugno su Rai1. Dalla magica cornice dell’Arena di Verona verranno consegnati i Music Awards, ossia i premi musicali agli artisti che si sono contraddistinti con le loro produzioni musicali conquistando il disco d’oro, di platino e di diamante. Tra questi ci sarà anche il rapper napoletano Luchè, tra le più belle realtà della musica italiana. “Per capire la mia musica devi avere vissuto, provato delle delusioni, aver amato almeno una volta: non puoi essere un bambino” ha raccontato dalle pagine di Rolling Stones il rapper italiano, ex componente del gruppo musicale rap Co’Sang. Cresciuto nel quartiere di Scampia, lo scorso giugno il cantautore ha lanciato il disco “Potere” in cui ha ricoperto il ruolo di rapper, cantante, compositore e direttore artistico.

Luchè: “sono sempre stato un artista sottovalutato”

“Potere” è un disco importante, un lavoro in cui Luchè ci ha messo tutto se stesso. “Voglio sviluppare un sound unico, per quello seguo ogni dettaglio” ha detto il rapper parlando del disco. Non sono mancate le difficoltà come ha raccontato lo stesso rapper: “Mi hanno detto che non sarei mai andato da nessuna parte, ho sempre dovuto dimostrare il contrario”. In passato, infatti, il rapper era nel gruppo dei Co’Sang poi la scelta di dedicarsi ad una carriera solista scrivendo canzoni d’amore. “Mi chiedevano perché scrivevo canzoni d’amore anziché continuare a raccontare la strada come i Co’Sang. Pochi hanno scommesso su di me” ha confidato il rapper a Rolling Stones precisando : “sono sempre stato un artista sottovalutato”. Oggi non è più così: Luchè con grinta e coraggio è riuscito ad imporsi e farsi conoscere nel mondo della musica anche un altro lato della sua città.

“Napoli ha un potenziale immenso” e su Eminem…

“La street credibility ce l’ho, ma non è tutto ciò che sono e non voglio farne un vanto. Voglio guardare oltre” racconta Luchè che parlando della sua città Napoli non ha alcun dubbio: “ha un potenziale immenso, ma è una città sfruttata dai media solo per fini di marketing”. Il rapper si è poi lasciato andare ad una serie di confessioni su Eminem, il rapper per eccellenza della scena musicale internazionale.  “Più pompano Eminem più lo odio” ha detto Luchè, che ha precisato: “in realtà non odio lui, odio cosa lui rappresenta per gli italiani. Io ho notato una cosa, perché io ho vissuto sia il rap underground che i club. [..] I ragazzi italiani all’inizio seguivano le mode ‘Black’ ma non si sentivano rispecchiati. Quando è arrivato Eminem questa cosa è svanita, hanno iniziato a rispecchiarsi, perché è bianco”. Per Luchè Eminem è un grandissimo rapper, ma non rispecchia quella che viene considerata la cultura hip hop: “purtroppo i ragazzi si rispecchiano vedendolo più vicino a loro. Noi abbiamo un problema a relazionarci con le altre culture, per questo gli italiani scelgono Eminem, lo sentono più vicino, ma Eminem non è la cultura hip hop”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA