LUCIA AZZOLINA SOTTO SCORTA PER MINACCE/ Sileri: “So cosa sta passando”

- Davide Giancristofaro Alberti

Lucia Azzolina è stata messa sotto scorta. Si allunga l’elenco dei protetti dopo il governatore Fontana e il viceministro Sileri: vicinanza dal mondo politico.

scuola sciopero insegnanti 8 giugno 2020
Lucia Azzolina (LaPresse)

Solidarietà e vicinanza al ministro Lucia Azzolina per le minacce ricevute negli scorsi giorni, che hanno reso necessaria l’assegnazione di una scorta. Come vi abbiamo raccontato, anche Pierpaolo Sileri è stato vittima di minacce e tentativi di corruzione recentemente, il viceministro alla Salute su Twitter si è rivolto direttamente alla titolare dell’Istruzione: «Tutta la mia solidarietà e il mio sostegno alla ministra e collega Lucia Azzolina, alla quale auguro di continuare per quanto possibile a fare il proprio lavoro con serenità e al meglio che può, come ha sempre fatto. Un abbraccio solidale, da chi sa cosa sta passando. All’Italia dico invece che noi non siamo il Paese dell’odio, ma rischiamo di diventarlo se lo lasciamo vincere». Vicinanza anche dal ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo: «Le minacce e gli insulti sessisti rivolti al ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, che hanno fatto aumentare le misure di sicurezza a sua tutela, sono gravissimi e intollerabili. Da ministro, da cittadina e da donna, a lei va tutta la mia vicinanza». (Aggiornamento di MB)

LUCA AZZOLINA SOTTO SCORTA PER MINACCE

Dopo il governatore della regione Lombardia, Attilio Fontana, anche la ministra dell’istruzione, Lucia Azzolina, è stata messa sotto scorta. La notizia è stata data quest’oggi dalla senatrice del Movimento 5 Stelle, Bianca Laura Granato, componente della VII Commissione Istruzione in Senato, parlando con l’agenzia Adnkronos: “La ministra Azzolina – ha fatto sapere – oltre ad insulti sessisti ha subito delle minacce per il concorso. Da ieri è stata messa sotto scorta come il sottosegretario Sileri. Hanno tentato di hackerarle il profilo Facebook e il conto corrente”. Il capo politico dei pentastellati, Vito Crimi, ha espresso solidarietà nei confronti della sua collega di partito, parlando di “clima intollerabile” nei confronti della scuola, che “doveva essere evitato”. Crimi ha aggiunto: “Al ministro Azzolina proprio in questi giorni è stato deciso di assegnare la scorta e a lei va tutta la solidarietà e vicinanza mia e del Movimento 5 Stelle. Agli attacchi e provocazioni strumentali nei suoi confronti, recentemente si sono aggiunti inaccettabili insulti sessisti e minacce, anche da parte di presunti insegnanti”.

LUCIA AZZOLINA E SILERI SOTTO SCORTA: SOLIDARIETA’ DEL M5S

Solidarietà anche da parte degli esponenti del Movimento 5 Stelle in commissione istruzione al Senato: “A Lucia Azzolina va la nostra piena e incondizionata solidarietà. Andiamo avanti insieme a testa alta nel percorso di cambiamento e di sostegno alla scuola pubblica italiana ed alle sue forze migliori. Non saranno queste vili minacce a intimidirci né tantomeno a fermarci”, sottolineando i “ripetuti attacchi che certa politica ha in maniera pretestuosa riservato a Lucia Azzolina”, nonché i “facinorosi” che si sono spinti a “insultare la ministra, con offese sessiste e messaggi di odio davvero sconcertanti”. Ricordiamo che è di oggi la notizia di istituire la scorta nei confronti del governatore della Lombardia, Attilio Fontana, mentre negli scorsi giorni era stata istituita la protezione per il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri. A quanto si apprende, Sileri avrebbe ricevuto tentativi di corruzione, ma anche minacce, in merito alla sua attività politica in particolare sulla destinazione dei fondi pubblici per l’emergenza coronavirus. Non viene esclusa una talpa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA