LUDOVICA MODUGNO MORTA A 72 ANNI/ Attrice e doppiatrice, Ambra Angiolini “Vola…”

- Andrea Murgia

È morta a 72 anni l’attrice e doppiatrice Ludovica Modugno. Malata da tempo, aveva esordito da piccola: il ricordo toccante di Ambra Angiolini

Ludovica Modugno 640x300
Ludovica Modugno (Wiki)

Voce di tante dive, attrice e doppiatrice, Ludovica Modugno si è spenta all’età di 72 anni lasciando un grande vuoto. A portarla via, una malattia contro la quale lottava da tempo. A voler dare il suo addio commosso e struggente, è stata la collega Ambra Angiolini, che su Instagram ha postato due scatti insieme all’attrice, con una dedica sincera: “Vola Ludo… l’hai sempre fatto anche sulla terra… mi mancherai…”.

Ambra e Ludovica Modugno avevano lavorato insieme nello spettacolo teatrale Il nodo, di Johanna Adams, per la regia di Serena Sinigaglia. Tante le spunte blu e non solo che hanno commentato con altrettanta tristezza la dipartita della doppiatrice, da Cristiana Capotondi a Gemma Galgani, da Anna Ferzetti a Claudia Gerini. Tra numerosi ruoli come interprete al cinema, in televisione e a teatro, Modugno era conosciuta anche per le numerosissime attrici che aveva doppiato, da Meryl Streep a Emma Thompson, da Julianne Moore a Charlotte Rampling. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

LUDOVICA MODUGNO SI E’ SPENTA A 72 ANNI

È morta a 72 anni l’attrice e doppiatrice Ludovica Modugno. Malata da tempo, aveva esordito a soli quattro anni nei teleromanzi: “Il dottor Antonio” è stato il primo romanzo sceneggiato prodotto e trasmesso in Italia. Una carriera di debutti precoci, visto che successivamente approdò a 7 anni in teatro in “Alcesti di Euripide”, con la regia di Guido Salvini. Poi ancora la televisione e il doppiaggio nei film con le dive internazionali.

Il debutto nel doppiaggio per Ludovica Modugno era arrivato con il film “Marcellino pane e vino” nella parte del bambino protagonista. Nel cinema debutta nel film “Italiani, è severamente proibito servirsi della toilette durante le fermate”, mentre in televisione partecipa agli sceneggiati televisivi più seguiti degli anni sessanta come “Cime tempestose“, “Ricordo la mamma”, “Romanzo di un maestro”, “Il novelliere” e “La Pisana“.

MORTA LUDOVICA MODUGNO: IL PREMIO NEL 2008 E LE ULTIME INTERPRETAZIONI

Ludovica Modugno, morta a 72 anni, nel 1978 fondò insieme al marito, attore e doppiatore Gigi Angelillo la compagnia teatrale “L’albero”, con la quale produce e interpreta numerosi spettacoli, tra cui “Esercizi di stile di Raymond Queneau” per la regia di Jacques Seiler, che vince il premio “Biglietto d’oro” del 1991. Per le rappresentazioni di “L’una e l’altra” e “La badante”, entrambe con regia di Cesare Lievi, riceve nel 2008 il premio come migliore attrice teatrale italiana dell’Associazione Nazionale Critici di Teatro.

Recentemente, Ludovica Modugno era andata in scena insieme ad Ambra Angiolini per lo spettacolo teatrale “Il nodo”, in scena all’Auditorium della Fiera a gennaio. Nella sua carriera da doppiatrice cinematografica e di film d’animazione “Grease”, Crudelia De Mon in “La carica dei 101”. Da attrice le ultime interpretazioni erano state con Checco Zalone in “Quo vado?” (2016) e nel film “Notti Magiche” di Paolo Virzì (2018).

© RIPRODUZIONE RISERVATA