Luisa Ranieri/ “Mio marito Luca Zingaretti? Mi ha corteggiata molto, sono grata…”

- Emanuele Ambrosio

Luisa Ranieri torna in tv: ospite di Domenica In di Mara Venier racconta la sua Lolita Lobosco e l’incontro con il marito Luca Zingaretti

luisa ranieri domenica in 640x300
Luisa Ranieri, Domenica In

L’incontro con il marito Luca Zingaretti al centro dell’intervista a Luisa Ranieri a Domenica In: “Non ci siamo innamorati subito… Lui mi corteggiava tanto, a me piaceva perchè era molto sexy suo malgrado”, ha ammesso, pur non avendo mai voluto avere una storia da set. Anche dopo il film però lui l’ha cercata: “Ci siamo sposati e abbiamo avuto due figli”, ha commentato, rammentando i 17 anni insieme. Lei si è detta una mamma apprensiva solo all’inizio ma poi abbastanza tranquilla: “E’ più apprensivo lui”, ha ammesso.

Quindi un filmato molto intenso proprio sul loro grande amore: “Sono grata tutti giorni di aver incontrato questo uomo nella mia vita perché è una persona molto speciale. E’ stato un incontro magico e sono molto felice di averlo incontrato”, ha detto emozionando anche Mara Venier. Luisa e Luca hanno molto in comune: “Ci piacciono gli stessi hobby e ridiamo tanto”, ha concluso prima di parlare dell’appuntamento di stasera in tv. “Lolita è un personaggio fortemente voluto, abbiamo deciso di farlo perché è un femminile che racconta bene le donne oggi, c’è dentro un po’ di tutto”, ha spiegato, svelando qualche dettaglio in più sul suo personaggio, Lolita appunto. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

“Legata a Napoli, mi manca: pronta a tornare…”

Con Lolita Lobosco l’attrice Luisa Ranieri torna in tv e a Domenica In ha commentato: “Un ruolo diverso, come piace a me”. A causa della pandemia, ha ammesso, “Siamo stanchi ma dobbiamo tenere duro, è stato bello tornare a lavorare”. Tuttavia sul set “E’ andata benissimo, non ci siamo mai fermati”. Immancabile un filmato della carriera di Luisa, che ha trovato “strano” rivedersi e vedere le fette di maturità che la riguardano. La Ranieri come ha iniziato a fare l’attrice quasi per caso: “Non era la mia priorità”, ha ammesso. Poi però provando a fare l’attrice le è piaciuto e “ci son finita dentro con tutte le staffe”. Lei sognava di fare il magistrato: “ma non sapevo cosa veramente mi piaceva”, ha ammesso.

Il suo rapporto con Napoli è stato molto conflittuale: “Sono andata via ma quando torno sento questa struggente nostalgia che appartiene alle origini, alla pancia, ma quando torno a casa mi piace”. Luisa ha un legame molto forte con la sua famiglia di origini in particolare con la madre ed i fratelli. Tra i suoi grandi legami anche quello con Totò e con le sue poesie struggenti nelle quali si riconosce. “Sono molto legata alla mia città, mi manca molto”, ha detto in lacrime. “Sono pronta a tornare”, ha ammesso. Per lei una sorpresa con il video messaggio del simpatico Pieraccioni: “Devo molto a Leonardo”, ha ammesso. Una sorpresa anche da parte di Adriano Celentano con un video da lui realizzato e montato. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Luisa Ranieri a Domenica In

Luisa Ranieri torna in tv: prima ospite del salotto di Domenica In di Mara Venier e poi in prima serata nei panni di Lolita Lobosco. Intervistata dal quotidiano Il Mattino, l’attrice si è soffermata proprio sul personaggio che interprete nella nuova ed attesissima fiction di Raiuno. “Lolita è una donna moderna e indipendente mentre Montalbano è un uomo del passato, all’antica. Non hanno nulla in comune” – precisa sin da subito la bellissima attrice parlando del confronto tra il suo personaggio e l’amatissimo Montalbano interpretato dal marito Luca Zingaretti. Parlando poi del personaggio di Lolita aggiunge:  “è una donna del sud di oggi. Il suo carattere mi ha rapito subito. Il tacco 12 è un’estremizzazione, ma vuole evidenziare che esiste un femminile che non ha bisogno di mascherarsi da uomo per essere autorevole e meritevole. Un aspetto che fa fare un passo in avanti alla rappresentazione del femminile in televisione. Ho affrontato questo personaggio con libertà come un cavallo pazzo”.

Bella da togliere il fiato, Luisa Ranieri non nasconde di aver avuto un rapporto conflittuale con la sua bellezza e il suo corpo mozzafiato: “da ragazzina ero in conflitto con il mio corpo, la mia fisicità. La bellezza mi sembrava un’arma a doppio taglio. Potevo uscire solo con mio fratello e i suoi amici, tutti maschi. E la mia femminilità prorompente creava imbarazzo. Così mi travestivo da maschiaccio, giocavo con le figurine e il pallone. Ho fatto pace con il mio sex appeal da adulta”.

Luisa Ranieri: “mi riconosco in Lolita Lobosco”

Luisa Ranieri riconosce tantissimo di se nel personaggio di “Lolita Lobosco”, la fiction tratta dai romanzi di Gabriella Genisi. “Mi riconosco si, anche nella struggente nostalgia di tornare al posto natale. Lolita ha dimostrato che anche lontano dalla famiglia ce la poteva fare e poi tornare a fare pace con le origini” – racconta l’attrice nata e cresciuta a Napoli. La Ranieri è legatissima alla sua città natale e non nasconde: “mi manca il mare e mi mancano la solarità e la spensieratezza dei napoletani anche nella tragedia. A Roma nel quartiere Prati c’è una bar di napoletani e mi piace andarci spesso perchè la signora che lo gestisce ha un modo di fare gioviale e all’antica in cui trovo una grande umanità”. Parlando proprio di Napoli e del successo che sta riscontrando la sua città in fiction come “Mina Settembre” e “Il Commissario Ricciardi” precisa: “ è un teatro a cielo aperto. Non è un caso che attiri registi e scrittori”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA