Macron: “Psicologi gratis per i minorenni”/ Francia, cresce depressione fra i giovani

- Davide Giancristofaro Alberti

A causa della crescente depressione fra i giovani in Francia, il presidente Macron ha annunciato l’introduzione di 10 sedute gratis dagli psicologi per i minori

Macron, Clima
Emmanuel Macron alla Convenzione per il Clima in Francia (LaPresse, 2020)

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato che pagherà dieci sedute dallo psicologo, ad ogni minorenne che è caduto in depressione durante la pandemia di covid tutt’ora in corsa. Fra i numerosi effetti causati dal coronavirus, come ci ripetono ormai da mesi gli esperti, il fatto che moltissimi giovani si siano chiusi in se stessi a causa dell’assenza di socialità provocato dalla chiusura delle scuole e delle varie attività sportive.

In Francia si è così deciso di prendere seriamente il problema, e nella giornata di ieri, in occasione di un incontro con alcuni operatori sanitari, il presidente ha spiegato: “Oggi abbiamo un problema di salute che riguarda i nostri bambini e adolescenti, che si aggiunge a quello dell’epidemia”. Nel dettaglio, le dieci sedute saranno rimborsate al 100% e il bonus è destinato ad una fascia di età compresa fra i 3 e i 17 anni, così come precisato dall’Eliseo. Lo strumento, inoltre, sarà prolungato fino a che l’emergenza sanitaria sarà in corso.

MACRON: “PSICOLOGI GRATIS PER I GIOVANI”. IL FENOMENO IN ITALIA

Le sedute con lo psicologo avverranno attraverso una specifica piattaforma web, e le sedute dovranno essere in ogni caso prescritte da un medico. Un bonus che è stato introdotto dopo che il ricorso ai servizi di psichiatria in Francia è aumentato del 40% nel 2020, e nel contempo, il 40% dei genitori ha assistito a segni di sofferenza nei figli durante il primo lockdown. In Italia il caso è stato denunciato spesso e volentieri da David Lazzari, presidente del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi (CNOP), che ha parlato in più occasioni di psicopandemia: “Nel 70% delle scuole – le sue parole al Corriere della Sera – sono stati attivati sportelli col primo fondo, significa che abbiamo portato 6 mila psicologi in 8 mila scuole. Ma per dodici ore al mese, indipendentemente dal numero di alunni. Un’inezia. E i nuovi fondi non sono vincolati: avrebbero dovuto inserire una clausola perché una quota specifica venisse destinata al supporto psicologico. Le scuole potranno usarli per questa esigenza ma anche no”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA