Malattia Giacomo, figlio Elena Santarelli/ “E’ guarito ed è cresciuto tantissimo”

- Rossella Pastore

Giacomo è il figlio di Elena Santarelli. Per circa 2 anni, il piccolo ha dovuto fare i conti con l’esperienza della malattia, un tumore maligno al cervello.

La conduttrice e showgirl Elena Santarelli
La conduttrice e showgirl Elena Santarelli

Elena Santarelli ospite a Verissimo parla anche della malattia del figlio Giacomo. “Mi ricordo che quando mi ha chiamato la dottoressa di Giacomo e mi ha detto ‘è pulito’, non ho capito più niente. I controlli stavano andando bene, ma ci vuole l’ok finale. Ho chiamato subito mamma, papà, i nonni e dietro” – racconta emozionata la conduttrice che ha un pensiero anche per i social “ci sono tante persone belle, è vero che ci sono anche gli haters, ma nulla in confronto all’affetto e all’amore che ho ricevuto da tantissime persone; persone che non arrivano a fine mese e hanno comprato il pandoro solidale, persone che hanno fatto preghiere per Giacomo. C’è ancora tanta bella gente in giro”. Poi sulla malattia precisa: “non gli dico le bugie, gli ho detto che la malattia potrebbe ripresentarsi e poi ha chiamato un amico dicendo una parolaccia, ma gliela abbiamo fatta dire. E’ cresciuto tantissimo”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Malattia Giacomo, figlio Elena Santarelli: come sta oggi? Il tumore sconfitto e…

Giacomo Corradi è il figlio di Elena Santarelli e dell’ex calciatore Bernardo Corradi. Nel 2017 gli fu diagnosticato un tumore maligno al cervello, malattia con cui lui e la sua famiglia hanno dovuto fare i conti per quasi due anni fino alla guarigione avvenuta a maggio del 2019. Un’esperienza, quella nelle corsie d’ospedale, che ha fortemente traumatizzato la Santarelli, come lei stessa ha dichiarato in un’intervista del 2020 a Maurizio Costanzo: “È qualcosa che avrai sempre dentro, è impossibile da dimenticare. Ma non è solo il dolore di mio figlio è tutto il dolore che ho visto di tante altre famiglie, questo mi piacerebbe raccontare […] è devastante sotto tanti punti di vista…”. Sono tante le mamme che, a differenza sua, piangono la scomparsa dei loro bambini, portati via prematuramente da un cancro come quello di suo figlio Giacomo. Elena le ha conosciute personalmente, visitando le camere mortuarie degli ospedali di pediatria. “Si immagini nel frequentare le persone che sono rimaste mie amiche che non hanno più la gioia di sentire il profumo dei figli”, prosegue. “Mi sento una privilegiata, non in colpa ma mi sento una privilegiata”.

Giacomo Corradi, dopo la malattia vittima di bullismo

Scioccante anche la sua sosta in terapia intensiva, dove Giacomo è stato ricoverato per un po’ nel momento più critico delle cure mirate a estirpare il tumore. Queste le prime parole del piccolo quando non appena aperto gli occhi, ritrovandosi all’improvviso in un’asettica e triste stanza di ospedale: “Ha detto portatemi via, ma non potevo portarlo via dalla terapia intensiva. Mi sono sentita impotente e ho dovuto lasciarlo lì”. È potuta intervenire, invece, quando Giacomo è stato preso di mira dai suoi compagni di scuola in una serie di episodi di bullismo: “È giusto parlarne”, ha esortato la conduttrice, “così i genitori a casa controllano un po’ di più i loro figli e incominciano a parlare di come ci si rapporta con gli altri bambini se hanno problemi”.

Giacomo Corradi, come sta oggi il figlio di Elena Santarelli?

Oggi, sconfitto il tumore, Giacomo Corradi è tornato a essere un bambino sereno. Di lui sappiamo poco, visto che Elena Santarelli si è limitata a condividere con il pubblico quasi solo le informazioni riguardanti il suo percorso di guarigione. Nel 2018, sui social, la showgirl aveva reso noto il bel gesto di una sua compagna di classe, Penelope Muccino, figlia del famoso regista Gabriele, che aveva spronato il suo papà a fare da testimonial alla Heal Onlus. La Heal è un’associazione che si occupa di raccogliere fondi per “dire stop”, recita lo slogan, “ai tumori cerebrali infantili”. La solidarietà dei Muccino, all’epoca, fece subito il giro del web.

© RIPRODUZIONE RISERVATA