Mango e Lucio Dalla, duetto su “Bella d’estate”/ Video: “Canzone scritta insieme”

- Anna Montesano

Il duetto di Mango e Lucio Dalla sulle note di Bella d’estate. Il brano è nato dalla penna di Dalla ma fu Mango a creare la musica

mango lucio dalla 640x300
Mango e Lucio Dalla

Questa sera, 16 luglio, su Rai 1 il nuovo appuntamento di Techetechetè riporta alla mente alcuni dei duetti più belli andati in onda nella Tv italiana. Uno di questi è quello che ha visto protagonisti Mango e Lucio Dalla, due artisti purtroppo scomparsi da tempo. Non tutti forse sanno che uno dei più celebri e amati brani di Giuseppe Mango, Bella d’estate, in realtà è nato proprio dalla penna di Lucio Dalla. Fu quest’ultimo, sul palco di “Compagni di viaggio di Mia Martini”, andato in onda su Rai 1, a svelare che un giorno e in pochi minuti nacque questa canzone, di cui lui scrisse il testo e Mango la musica. Dopo il racconto, i due artisti dilettarono il vastissimo pubblico presente al concerto, cantandola per la prima volta insieme.

Lucio Dalla svela com’è nata Bella d’estate con Mango

Prima di cantare, Lucio Dalla raccontò al pubblico l’aneddoto della nascita di Bella d’estate proprio al fianco di Mango. “Pensate che noi cantanti ci vediamo poche volte, siamo sempre in giro, però una volta io e Mango, tempo fa, ci incontrammo. – esordì Dalla, continuando – Andai in studio a trovarlo mentre realizzava il suo disco, e in cinque minuti veramente, senza neanche sapere come, abbiamo scritto una canzone bellissima.” Palesò poi tutta la sua stima per il collega, dichiarando: “A parte che ‘Amore per te’, appena l’ho sentita in radio, io lo telefonai e gli dissi ‘A mio giudizio, questa è la più bella canzone italiana che ho sentito quest’anno’. Tant’è vero che non sapevo ancora che avremmo fatto questo concerto e gli dissi ‘dobbiamo fare qualcosa insieme’“. Poi tornando alla canzone scritta insieme, concluse: “Io feci il testo e lui la musica, era Bella d’estate. Questa sera mi piacerebbe ricordarla, lui la canta tutte le sere, io non l’ho mai cantata, ma proviamo!”



© RIPRODUZIONE RISERVATA