Marca da bollo/ Per le fatture elettroniche si può fare on line

- Maria Melania Barone

Marca da bollo, per le fatture elettroniche è possibile applicare la marca da bollo attraverso il sito dell’Agenzia delle entrate e pagando il modello f24 direttamente dal proprio conto.

tasse_pixabay_2017
(Pixabay)

La legge impone l’applicazione della marca da bollo da 2 euro, per tutte le fatture emesse di importo superiore a 77,47 euro. Solitamente le marche da bollo sono in formato cartaceo e si acquistano in tabaccheria, vengono applicate sulle fatture cartacee. Ma con l’introduzione della fattura elettronica è possibile anche ovviare all’acquisto materiale della marca da bollo, applicandola virtualmente attraverso il sistema dell’Agenzia delle entrate.

Marca da bollo: regimi forfettari e bollo virtuale

L’obbligo di applicazione si estende a tutte le tipologie di regimi, da quello ordinario a quello forfettario. Dunque, tutti i lavoratori autonomi, i professionisti con partita IVA che hanno un regime fiscale vantaggioso, sono soggetti all’applicazione di questa tassa.

La fattura elettronica non è ancora obbligatoria per i regimi forfettari che fatturano al di sotto di 25000 euro l’anno. Questi autonomi infatti avranno un obbligo di fatturazione elettronica a partire dal 2024. Tuttavia lo smart working e il sempre più frequente lavoro da remoto, sta rendendo la fattura elettronica quasi una necessità. All’interno del sistema fatture e corrispettivi dell’Agenzia delle entrate, quando si passa la fattura elettronica semplificata o ordinaria, è possibile restare la voce marca da bollo e applicazione virtuale.

Marca da bollo: codici tributo

Per chiunque scelga il pagamento virtuale attraverso la fatturazione elettronica, dovrà applicare alla fine di ogni trimestre il codice tributo adeguato e pagare la marca da bollo.

Il modello F24 da compilare periodicamente con i codici tributo corretti:

Primo trimestre: codice tributo “2521”;

Secondo trimetre: codice tributo “2522”;

Terzo trimestre: codice tributo “2523”;

Quarto trimestre: codice tributo “2524”;

Sanzioni: codice tributo “2525”;

Interessi: codice tributo “2526”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA