Marchesa d’Aragona querela Riccardo Signoretti/ “Diffamata mentre ero al GF Vip”

- Vittorio Crippa

La Marchesa d’Aragona querela Riccardo Signoretti: a piazzale Clodio si è svolta la prima udienza. La delusione ed il dolore della giornalista

marchesa daragona 2 640x300
Marchesa d'Aragona (foto: Instagram)

La Marchesa d’Aragona querela Riccardo Signoretti

E’ finita in tribunale la discussione sul titolo della marchesa Daniela Del Secco D’Aragona, che nel 2018 era stato messo in dubbio dal direttore del settimanale Nuovo, Riccardo Signoretti. Nella giornata del 12 Aprile u.s. , come riferisce il quotidiano Il Messaggero, la giornalista celebre volto tv, è stata chiamata in aula, a piazzale Clodio, a difendere la sua Reputazione e il suo Onore, che l’ormai ex amico e collega giornalista Signoretti aveva oltraggiato  nel salotto televisivo di Barbara d’Urso. Al direttore di Nuovo, il pm Mario Pesci contesta l’ipotesi di diffamazione in quanto nel 2018, mentre la Marchesa era concorrente nella spiatissima Casa del Grande Fratello Vip, lui avrebbe attaccato in diverse occasioni la Marchesa.

Nel dettaglio, la Procura contesta alcuni episodi avvenuti tra l’ottobre ed il novembre del 2018. In quelle circostanze, viene ricostruito, Riccardo Signoretti nel ruolo di opinionista della trasmissione Pomeriggio 5, “offendeva la reputazione e l’onore della persona offesa in diverse occasioni”, in riferimento alla Marchesa Daniela Del Secco D’Aragona. Nel capo di imputazione riportato dal quotidiano, nella puntata del 15 ottobre 2018 Signoretti nell’attaccare l’allora concorrente del Grande Fratello Vip avrebbe pronunciato gravissime offese.

Signoretti a processo per diffamazione

Riccardo Signoretti, a processo per diffamazione, in un’altra circostanza – nella puntata dell’11 novembre 2018 di Domenica In – avrebbe aggiunto “ulteriori frasi offensive” come riferisce ancora Il Messaggero, frasi che avrebbero offeso la giornalista al punto da sentirsi diffamata decidendo così di spostare la discussione dai salotti tv all’aula  del tribunale Penale di Roma a Piazzale Clodio.

Nella giornata del 12 Aprile, la Marchesa accompagnata dal suo avvocato, e dal suo inconfondibile Stile, al cospetto del giudice, ha precisato di essere stata legata all’imputato Signoretti da una sincera amicizia: “Da lui non me la sarei mai aspettato, è stato il fratello che non ho avuto. È venuto più volte mio ospite a Roma e ha soggiornato  nella suite (con tanto di maggiordomo a disposizione) di un prestigioso hotel 5 stelle Lusso nel cuore della Città. È falso tutto  quello che gli ho sentito dire. Dopo le sue parole in tv la mia vita lavorativa è degenerata”. La Marchesa ha ribadito che le menzogne di Signoretti sarebbero state proferite  “mentre ero chiusa nella casa del Grande Fratello e non potevo esserne a conoscenza ne’ tantomeno difendermi. All’uscita dal programma, vedere quelle clip mi ha fatto molto soffrire”. Ed ha infine specificato i suoi titoli di studio: “Io sono giornalista iscritta all’albo della Lombardia dal 23 Settembre 1992 e laureata, ecco con me la mia tesi di laurea che lo prova”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA