MARGARET MAZZANTINI, MOGLIE SERGIO CASTELLITTO/ “Litighiamo per i figli: ci amiamo”

- Dario D'Angelo

Margaret Mazzantini, moglie di Sergio Castellitto: il rapporto tra la scrittrice e l’attore. “Quando parlo di lei rischio sempre l’emozione”

Sergio Castellitto e Margaret Mazzantini
Sergio Castellitto e Margaret Mazzantini (Web, 2019)

Nel corso della sua ospitata a Da noi a ruota libera, l’attore e regista Sergio Castellitto non poteva non parlare anche dell’amore della sua vita, la moglie Margaret Mazzantini. “Quando io parlo di Margaret rischio sempre l’emozione, forse retorica… è molto semplice. Ci amiamo, che non ci impedisce di litigare, discutere e fare altro”, ha esordito Castellitto al cospetto della conduttrice Francesca Fialdini.

L’attore ha rivelato rispetto al rapporto con Margaret: “Litighiamo soprattutto per i figli, ma l’amore è un mestiere che non puoi fare part time, devi accettare conflitti, disapprovazioni, tante cose. Consegnare e chiedere, consegnare e chiedere”. Ma qual è il loro segreto? “Noi abbiamo avuto la fortuna di avere due individualità che si sono risolte grazie al proprio talento in modo individuale. Abbiamo anche due caratteri molto diversi ma abbiamo un punto di vita in comune e questo ci ha consentito di essere insieme felici”. Infine, ha scherzato su come viene visto in casa spiegando: “A casa mi rimproverano non di arrabbiarmi ma di essere un po’ rompiballe. Ed è vero, assolutamente vero!”. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Margaret Mazzantini, la moglie di Castellitto ospite della Fialdini

Con Sergio Castellitto ospite oggi a “Da Noi…A Ruota libera” non si può escludere che la padrona di casa, Francesca Fialdini, decida di indagare anche la vita privata dell’attore senza limitarsi a parlare della sua carriera. In questo caso una menzione obbligatoria spetterebbe alla sua compagna di viaggio da ormai una vita: la moglie Margaret Mazzantini. I due sono sposati da 34 anni e insieme hanno avuto quattro figli: Pietro Castellitto (1991), Maria (1997), Anna (2000) e Cesare (2006). Ma chi è Margaret Mazzantini? Prima di essere la moglie di un grande attore questa donna è una bravissima scrittrice. Stiamo infatti parlando di un’autrice di best-seller quali “Non ti muovere”, “Venuto al mondo” e “Nessuno si salva da solo”. Molti dei suoi libri sono stati poi oggetto di adattamento cinematografico dando vita ad un perfetto connubio: sceneggiatura di Margaret Mazzantini, regia di Sergio Castellitto.

Sergio Castellitto e la moglie Margaret Mazzantini: il loro primo incontro fu

L’ultimo film che i due hanno portato sul grande schermo è “Fortunata”, arrivato nelle sale cinematografiche nel 2017 e proiettato a Cannes. In quell’occasione Castellitto l’ha ringraziata rimarcando come, oltre ad essere l’autrice del soggetto del film, Margaret Mazzantini è mogli e madre dei suoi figli. Un’architettura complicata da tenere in piedi, come ha ammesso la scrittrice in un’intervista a La Stampa: “Ci vuole la buona salute, la capacità di gestire situazioni diverse, e anche i nervi. Sergio è un uomo formidabile, dolcissimo, tra noi c’è molto amore, e l’amore è quello che ti aiuta di più, perché sai di avere qualcuno che ti è davvero riconoscente. E poi siamo due nature generose. Certo, io, come donna, ho fatto molto, le donne fanno sempre infinite volte di più degli uomini. Ho tirato su i figli, cucino io, non ho mai preso le tate notturne. Vengo da una scuola dura, ho avuto un padre autoritario, sono una gran lavoratrice fin da piccola, e ho molta resistenza, anche se adesso sono un po’ stanca“.

Il loro primo incontro fu “allo Stabile di Genova, lavoravamo entrambi nelle “Tre sorelle” di Cechov. E infatti Genova è la nostra città del cuore. Poi ho seguito Sergio a Parigi, doveva fare una serie con Delon, ho rinunciato a una scrittura teatrale, e ho iniziato a scrivere. Avevo debuttato in palcoscenico giovanissima, ma sentivo che dentro di me c‘era qualcosa di censurato. Se sono mai stata gelosa? Non si può essere gelosi di un uomo che ti chiama dieci volte al giorno. Ci siamo sempre fidati, nella massima libertà, ci teniamo per mano, ci facciamo una carezza. Siamo due nature schiette“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA