MARGHERITA TIESI/ “A scuola mi prendevano in giro e mi emarginavano” (Vieni da me)

- Silvana Palazzo

Margherita Tiesi a Vieni da me racconta di un abbraccio che le ha cambiato la vita: “Ho scoperto la fede, esiste qualcosa di non umano”

margherita tiesi vienidame
Margherita Tiesi a Vieni da me

Margherita Tiesi, una delle protagoniste della fiction di Raiuno “Pezzi unici”, in un’intervista rilasciata ai microfoni del settimanale Di Più, racconta di non aver vissuto un periodo felice durante gli anni della scuola. “Mi prendevano in giro perché studiavo recitazione e mi emarginavano perché non mi truccavo e non vestivo alla moda” – racconta la giovane attrice. All’epoca, la cosa la rendeva infelice e la infastidiva, ma oggi è davvero felice della propria vita: “sono contenta che sia andata così. Io ero fatta in quel modo, ero felice e se non piacevo agli altri, beh pazienza”. Sia alle scuole medie che al liceo, Margherita era considerata quella brutta perché era più interessata alla recitazione che a trucco e parrucco. Una passione, quella per la recitazione, che i suoi compagni consideravano strana e che è stata causa di brutti episodi. “Alle medie, oltre a prendermi in giro, prendevano a calci la mia cartella. Stetti zitta una volta, due volte, tre volte finchè risposi prendendo a calci chi mi aveva preso di mira”, confessa Margherita Tiesi che ha poi avuto la propria rivincita riuscendo a trasformare la sua passione in un lavoro (aggiornamento di Stella Dibenedetto).

MARGHERITA TIESI: “CON LA FEDE LA MIA VITA E’ CAMBIATA”

Margherita Tiesi, che in “Pezzi Unici” interpreta la figlia di Giorgio Panariello, a “Vieni da me” si racconta, ma non prima di parlare del comico. «È stato uno spasso, era sempre così paterno con me. Non me lo aspettavo, pensavo fosse solo pronto allo scherzo, invece ho scoperto un lato di lui che non conoscevo». Aveva deciso di fare l’attrice da piccola, quindi si è trasferita a Roma, dove però le è accaduta una cosa singolare dopo due anni, spirituale. «È stato un incontro che mi ha cambiato la vita», lo definisce lei. «Ma è accaduto per caso – prosegue l’attrice -. Stavo vedendo uno spettacolo con due amici, ad un certo punto vedo uno sconosciuto che mi fissa. Ci siamo abbracciati, così senza motivo, ma c’era qualcosa di più. Questo abbraccio mi ha cambiato la vita, perché mi ha insegnato ad essere sempre aperta verso gli altri». Ma in quell’abbraccio ha percepito qualcosa di più: «Non c’eravamo solamente io e lui, ma anche qualcos’altro di non umano».

MARGHERITA TIESI A VIENI DA ME: UN ABBRACCIO E LA FEDE

Così è cominciato il cammino di fede di Margherita Tiesi, anche se lei preferisce chiamarlo di vita. Lei era solo battezzata: «I miei avevano lasciato a me la scelta». Quindi ha fatto il catechismo da grande: «Ho fatto la prima comunione a 22 anni con una bambina piccola. Come ha reagito? Io piangevo sempre dall’emozione, ma lei non capiva ed era spaventata da questa reazione». L’attrice preferisce parlare di spiritualità che di religione: «Per me è una cosa più intima». Margherita Tiesi ha spiegato che dopo quell’abbraccio la sua vita è più aperta alla comunicazione e all’ascolto. «A causa dei social si è autoreferenziali, invece c’è più bisogno di dialogo». A proposito della fiction “Pezzi Unici” racconta: «Forse io sono la più isterica, nel senso che passo da un’emozione all’altra. Invece Giorgio Panariello è uno che tira dritto. Lucrezia Massari mi calmava, lei è la più calma sul set».

© RIPRODUZIONE RISERVATA