Margot Sikabonyi “Rifiutavo Maria di Un medico in famiglia”/ “Oggi sono grata…”

- Stella Dibenedetto

Margot Sikabonyi parla di Maria di Un medico in famiglia che ha interpretato per anni e ammette: “L’ho rifiutata per un periodo. Oggi le sono grata”.

margot sikabonyi min 640x300
Fonte Instagram

Margot Sikabonyi è la storica interprete di Maria Martini, la nipote di nonno Libero nella fiction “Un medico in famiglia”. Un personaggio che l’attrice ha interpretato dai 15 ai 33 anni e che le ha regalato una grandissima popolarità. Tuttavia, a volte, i personaggi che interpretano possono far sentire in trappola gli attori ed è un po’ quello che è accaduto a Margot Sikabonyi che, oggi, ha ritrovato se stessa come racconta nel libro “Respira! Alla ricerca della calma nel caos” e come ha spiegato in un’intervista rilasciata ai microfoni di Huffington Post. “Era iniziato un periodo di rifiuto in cui ho finto che lei non esistesse. Quando mi fermavano in strada dicendo ‘Ciao, Maria’, la mia risposta era: ‘No, non sono io’. Poi, man mano, le cose sono cambiate: oggi sono estremamente grata a Maria, consapevole di tutto quello che mi ha donato”.

Margot Sikabonyi: “Oggi sono una mamma e insegno yoga, ma la televisione…”

Dopo il grande successo ottenuto interpretando Maria di Un medico in famiglia, Margot Sikabonyi è riuscita a ritrovare se stessa e la propria vita ed oggi è sia una mamma che un’insegnante di yoga. Avere i suoi bambini le ha dato una maggiore consapevolezza. ” Con la nascita dei miei bambini, tutto quello che avevo imparato si è radicato ancora di più. La maternità ti mette in gioco tutto il giorno tutti i giorni, richiede responsabilità e amore costanti. Credo che, nella società in cui viviamo, essere genitori consapevoli sia un atto eroico”, ha raccontato all’Huffington Post. Serena e felice della propria vita, l’attrice, tuttavia, non esclude di tornare presto a recitare. “Oggi, grazie alle consapevolezze che ho raggiunto, so che potrebbe costituire un mezzo attraverso cui espandere ancora di più me stessa. Sia come artista che come essere umano”, ha concluso la Sikabonyi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA