Maria De Luca e Mattia, moglie e figlio Gabriele Cirilli/ Il suo universo privato

- Matteo Fantozzi

Maria De Luca e Mattia, moglie e figlio Gabriele Cirilli: a Top Dieci il comico ha raccontato uno spaccato del suo universo privato. Il comico è sempre stato molto riservato

gabriele cirilli 640x300
Gabriele Cirilli

Gabriele Cirilli a Top Dieci concesse un racconto sulla sua vita legato alla moglie Maria De Luca e al figlio Mattia. Ci troviamo di fronte al suo universo privato nel quale ama abbandonarsi tra uno spettacolo e una comparsata televisiva. L’amore tra Gabriele e Maria nasce ben trentanove anni fa: l’attore aveva quattordici anni e fu subito colpo di fulmine. Da allora non si sono mai divisi, nemmeno per un solo istante, una donna che per il comico è anche amministratrice, psicologa, amante, un vero universo di sentimenti nei quali ristorare l’anima. Non a caso l’attore confessa che nei suoi momenti intensi di sconforto, durante una carriera che ha avuto anche bassi in mezzo a diversi momenti altissimi, Maria era al suo fianco per consolarlo, rialzarlo, rimetterlo in carreggiata pronto per ripartire con slancio.

Nel 2001 il loro amore si è allargato con la nascita di Mattia Cirilli, oggi ventenne. Gabriele Cirilli ama ricordare dolcemente quel ‘coup de foudre’ tra i banchi di scuola, un amore adolescenziale che ancora è vivo. Chi è nello specifico Maria De Luca? Prima di essere ciò che oggi la rende professionalmente affermata, cioè un’imprenditrice nel mondo del teatro, Maria era farmacista, ma scopre la possibilità di potere affermarsi nello spettacolo, ovviamente dietro le quinte, nel momento nel quale abbandona il suo lavoro in farmacia per seguire Gabriele a Milano dove l’attore muove i primi passi nel cabaret, come imitatore o monologhista. Maria ricorda ancora il loro incontro a scuola: indossava Clark e una camicetta, un look tipico negli anni ’80 e dopo tutto questo tempo la coppia non s’annoia mai assieme, sa divertirsi, capirsi, amarsi.

Gabriele Cirilli, la sua carriera

Gabriele Cirilli è un comico, ma ciò è riduttivo perché la sua caratteristica principale è quella di essere in grado di interpretare con la mimica, il corpo, la voce la sua performance. Formatosi nella scuola di quella “sequoia” di arte che è rappresentata da Gigi Proietti, la sua esperienza al Laboratorio di Esercitazioni Sceniche l’ha reso un comico per il quale raccontare una singola barzelletta è un universo di sfaccettature da elaborare attraverso un concetto di recitazione a 360°. In questo Cirilli potrebbe ricordare Walter Chiari e il paragone non è solo omaggio, è constatazione. Ma il comico abruzzese (Cirilli è nato a Sulmona) trapiantato nella ‘Città Eterna’ è anche un padre e un marito felice e lo ha più volte raccontato in diverse interviste.



© RIPRODUZIONE RISERVATA