Marine perde 3 dita del piede/ Hotel le mummifica e le usa in un cocktail “speciale”

Un marine ha perso 3 dita del piede e le ha donate ad un hotel canadese dove ci fanno i cocktail

Sourtoe cockatil (Tt)
Sourtoe cockatil (Twitter)

Sembrerà assurdo ma c’è un posto in Canada che realizza dei cocktail con le dita dei piedi congelate. Si chiama il Downtown Hotel di Dawson City, autore del famoso drink “Sourtoe Cocktail”, che dal 1973 consiste in un bicchierino di whisky con al suo interno un dito umano mummificato. L’ultimo a regalare parte del suo corpo alla struttura alberghiera è stato Nick Griffith, 46enne ex marine nonché ex maratoneta britannico, che ha deciso di donare le tre dita congelate del piede sinistro, a seguito di un incidente: Griffith stava correndo una maratona di 300 miglia in Canada quando parte del suo piede gli è rimasto appunto congelato. Di conseguenza i medici hanno dovuto amputargli tre dita, che lo stesso quarantenne inglese ha ben deciso di donare all’albergo di cui sopra. Le rigide temperature dell’ultra maratona, così come vengono chiamate le corse di svariati centinaia di chilometri, avevano raggiunto quota 50 gradi sotto lo zero, e di conseguenza la lunga esposizione al freddo aveva di fatto “distrutto” le dita del piede del povero Nick.

MARINE PERDE 3 DITA DEL PIEDE E LE DONA AD UN HOTEL

Subito dopo l’operazione di amputazione l’ex maratoneta ha scoperto dell’esistenza di questo posto dove appunto realizzavano “cocktail” con dita mummificate, decidendo quindi di donare il macabro regalo, per poter provare l’ebbrezza di bere un drink fatto con parti del proprio corpo, che all’apparenza potrebbe sembrare disgustoso ma che vista la notorietà di quell’albergo, piacciono e non poco. Sono state infatti migliaia le dita donate Downtown Hotel, a conferma di quanto il “Sourtoe Cocktail”, vada per la maggiore. Tra l’altro il drink in questione non “esclusiva” dell’albergo canadese, ma la differenza rispetto alle versioni tradizionali è che la scorza d’arancia viene appunto sostituita dalle dita mummificate. Le dita, una volta donate, vengono conservate in un barattolo di sale fino al loro utilizzo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA