Mario Giuliacci, padre di Andrea Giuliacci/ La carriera, “Mi meraviglio come le femministe…”

- Alessia Miceli

Mario Giuliacci è il padre di Andrea Giuliacci, grande fisico e meteorologo fu oggetto di una grande polemica e poi fu cacciato da Mediaset, ecco perché

Mario e Andrea Giuliacci
Mario Giuliacci e figlio Andrea (foto: web)

Mario Giuliacci, la grande carriera e il figlio Andrea Giuliacci

Mario Giuliacci è un meteorologo ed è anche il padre del meteorologo Andrea Giuliacci, noto nei telegiornali delle reti mediaset e per la trasmissione di informazione Mattino Cinque. Quella per la meteorologia è una passione che è stata tramandata di padre in figlio, insieme a quella per la fisica e per lo studio. Mario, dopo essersi laureato proprio come il figlio nella facoltà di fisica, ha iniziato a lavorare come meteorologo per l’Aeronautica Militare e ha poi diretto come colonnello il Centro meteorologico di Milano Linate.

Un uomo intelligente, capace e con una passione talmente grande per la meteorologia, da lavorare anche con importanti giornali come: Il Corriere della Sera e La Gazzetta dello Sport. Per un periodo lavora anche come docente di fisica, fin quando non arriva la grande opportunità a Mediaset, dove conduce il meteo fino al 2010. Sono altri i successi accumulati in quegli anni, come quelli per la rivista Di più Tv e le partecipazioni a Mattino Cinque insieme a Barbara D’Urso. Carriera che giunge al termine quando subentrano le polemiche e che Mario affronta creando un suo canale Youtube e un suo apposito sito per le previsioni del tempo.

Mario Giuliacci e la polemica che pose fine alla sua carriera

Nel 2015 il meteorologo Mario Giuliacci rilasciò un’intervista alla stampa per spiegare i motivi che hanno scatenato una polemica e hanno determinato la fine della sua carriera a Mediaset. Mario aveva dichiarato: “Hanno messo piacevoli figliole ovunque a fare le previsioni del tempo e i meteorologi veri stanno scomparendo, anche se sono dietro le quinte. Iniziò Emilio Fede con le Meteorine e da lì siamo andati sempre avanti. Lo fanno tutti: Rai, Mediaset e Sky. Le signorine ripetono un copione, ma non hanno esperienza in materia. Non è provato che queste ragazze, per carità piacevolissime, portino maggior ascolti. Se così fosse mi inchino. Mi meraviglio come le femministe non si siano ancora levate in coro a stigmatizzare questa mercificazione della donna”.

Poi riguardo alla fine della sua carriera dichiarò: “Mi hanno cacciato perché ho detto la mia sulle ragazzine mandate in onda al posto dei professionisti delle previsioni: servono solo ad attirare uomini arrapati. I titoli e la laurea in fisica non sono un accessorio. Non è che mi sono dato alla fuga così volontariamente”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA