Mario Sconcerti “Atalanta migliore del Psg? No, diversa”/ “Gasperini come Guardiola”

- Matteo Fantozzi

Mario Sconcerti, il giornalista prova ad analizzare l’imminente sfida tra Atalanta e Paris Saint German sottolineando il ruolo fondamentale di Gian Piero Gasperini.

Gasperini Atalanta Serie A
Gian Piero Gasperini (Foto LaPresse)

Mario Sconcerti non ha dubbi, l’Atalanta se la giocherà con il Paris Saint German. Il giornalista ha parlato attraverso un lungo editoriale per Il Corriere della Spera, specificando: “L’Atalanta non è migliore del Psg, è diversa. Ha pochi giocatori che equivalgono quelli degli avversario, ma si muove molto bene. Ha perso però un vantaggio, ormai tutti sanno tutto dell’Atalanta e non c’è più fattore sorpresa”. La sfida valida per i quarti di finale di Champions League accende il calcio internazionale e permette alla banda scalmanata di Gian Piero Gasperini di farsi conoscere ancora di più in tutto il mondo, grazie a una cassa di risonanza sicuramente molto importante. Se sulla carta pare una gara già decisa in partenza, basti pensare che Neymar da solo guadagna quanto tutta la Dea, i transalpini dovranno sudarsi la qualificazione.

Mario Sconcerti: “Gasperini come Klopp e Guardiola”

Gian Piero Gasperini è l’artefice del miracolo Atalanta e Mario Sconcerti glielo riconosce: “Gasp è un ruvido sorridente, quindi diffidente di natura. Non interessa molto, ma è studiato in tutta Europa e considerato un maestro. Avesse interessi mondani potrebbe andare dovunque. Ormai è all’altezza dei vecchi maestri inglesi come Chapman e Cloug, a livello dei grandi di oggi Klopp e Guardiola“. Stasera ci sarà un Psg-Atalanta che promette spettacolo e nel quale Gasperini dirà ancora la sua. Intanto tutta Italia sarà riunita davanti al televisore a tifare per una squadra che piace e che diverte, soprattutto perché non accompagnata da ataviche rivalità che spesso portano i tifosi delle altre italiane a un occhio di invidia. Verso la Dea il rapporto è sincero e costruito anche sulla base di quanto fatto da Gasperini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA