Martinez (ct Belgio) “Lukaku decisivo per l’Inter”/ “De Ketelaere al Milan stupirà”

- Gianmarco Mannara

L’allenatore del Belgio Martinez parla dei nuovi acquisti di Inter e Milano, cioè Lukaku e De Ketelaere, sbilanciandosi in vista della nuova stagione

martinez allenatore belgio campo LAPRESSE 2022 1 640x300
Martinez allenatore Belgio (foto:lapresse)

Roberto Martinez, ct del Belgio, ha parlato dei due talenti allenati in Nazionale appena arrivati sotto la Madonnina. In un’intervista alla Gazzetta dello Sport, l’allenatore si è sbilanciato molto sulla sua punta di diamante e su quello che potrà fare in serie a affermando: “Romelu è un attaccante modernissimo e totale. Si adatta a diversi sistemi, non è vero che con lui si gioca solo in una maniera… per questo si adatterà benissimo a un allenatore nuovo e compagni, che nel mentre, sono cambiati”. Così ha mandato qualche frecciatina a chi vedeva bene Lukaku solo con Conte.

In più Martinez non è affatto sorpreso del suo ritorno in nerazzurro e del legame che lega Big Rom ai tifosi interisti: “Non sono assolutamente sorpreso della sua scelta e della sua determinazione nel  tornare a Milano costi quel che costi: era quello che voleva. Ha dato moltissimo all’Inter già nella sua prima esperienza e, tra finale di Europa League e scudetto, ha creato un legame emozionale con la gente interista che non si è mai interrotto”. Non ci resta quindi che aspettare la prima di campionato dove l’Inter affronterà il Lecce per vedere almeno un’infarinatura di quello che sarà Romelu Lukaku sotto la corte del suo nuovo allenatore Simone Inzaghi.

Martinez (ct belgio), De Ketelaere ti ruba l’occhio

Ma non solo Lukaku ha fatto capolino al Duomo, anche sulla sponda rossonera è arrivato un nuovo giocatore: De Ketelaere, di cui Martinez ha una profonda stima. “Ti ruba l’occhio, ti lascia a bocca aperta per capacità tecnica, a, plasticità, eleganza del gioco. Ha una coordinazione, una abilità nell’ultimo passaggio e nel calciare in porta che pochi altri alla sua età hanno in Europa”, ha detto alla Gazzetta dello Sport.

Infatti i tifosi già lo paragonano a Kaka, ma Martinez non è del tutto d’accordo. A tal proposito, chiede tempo per far ambientare De Ketelaere e per fargli esprimere tutto il suo massimo potenziale, “Concentriamoci sul campo e non sui paragoni. Charles è sempre cresciuto, lo abbiamo accompagnato in un progetto dall’Under 21 alla prima squadra e ha una straordinaria capacità di occupare tutte le zone di attacco. Sa adattarsi alle esigenze soprattutto grazie alla sua tecnica”. Infatti sarà molto difficile vedere il talento belga già di titolare nelle prime partite: già contro l’Udinese nella prima trasferta di campionato De Keatelaere partirà dalla panchina lasciando il posto a Messias.







© RIPRODUZIONE RISERVATA