Massimo Di Cataldo/ “Sanremo? Ha fatto conoscere le mie canzoni” (Ora o mai più)

- Emanuele Ambrosio

Massimo Di Cataldo torna in gara a “Ora o mai più” dopo l’esperienza a Tale e Quale Show e rivela: “sono state esperienze impegnative”

massimo di cataldo 640x300
Massimo Di Cataldo

Massimo Di Cataldo è uno dei concorrenti della prima edizione di “Ora o mai più“, il talent show condotto da Amadeus e trasmesso in replica su Raiuno. L’artista che due anni fa ha festeggiato 50 anni si è rimesso in gioco dopo una carriera esplosiva che l’hanno portato a farsi conoscere tra le nuove proposte del Festival di Sanremo fino al grande successo tra i big con la hit “Se adesso te ne vai”. Un successo dietro l’altro per Di Cataldo che negli anni ’90 è stato senza alcun dubbio un vero e proprio idolo dei teenager, ma all’improvviso come accade quasi a tutti la sua carriera ha subito una frenata d’arresto. A distanza di tempo e dopo svariati tentativi di ricominciare, Di Cataldo ha accettato di rimettersi in gioco partecipando proprio ad “Ora o mai più” dove ha riacquistato una grandissima popolarità dimostrando ancora una volta il suo grandissimo talento. La passione per la musica in realtà viene dall’infanzia come ha raccontato lo stesso artista in un’intervista rilasciata a spettacolonews.com (data 16 marzo 2019): “da bambino ascoltavo molta musica tra cui quella di Mogol e Battisti e fu proprio mio papà che mi faceva ascoltare i suoi dischi in vinile… Sin piccolo guardavo Sanremo alla tv, ma le canzoni del primo battisti sicuramente facevano già parte della vita di tanta gente e erano quelle che mi attraevano di più”.

Massimo Di Cataldo: da “I Ragazzi del muretto” a Sanremo

La carriera di Massimo Di Cataldo è indubbiamente legata anche al grandissimo successo de “I Ragazzi del muretto”, la serie televisiva datata 1991. “E’ stato un bellissimo periodo della mia vita” – ha dichiarato l’artista – peccato che non ci sia stato un seguito ai ragazzi del muretto, sarebbe bello oggi riprendere quella serie con i personaggi di allora, che si ritrovano dopo tanti anni magari con i problemi dei figli di oggi”. Poi è arrivato il palcoscenico del Teatro Ariston e la partecipazione al Festival di Sanremo che ricorda così: “è stato molto importante per me perché mi ha dato una grande visibilità ma soprattutto ha fatto conoscere le mie canzoni a tanta gente”. Dopo Sanremo arriva il grande successo, le collaborazioni con Eros Ramazzotti e Yousson Dour, i primi posti in classifica e dischi di platino e oro. Improvvisamente però cambia qualcosa, un momento difficile che l’artista ha ricordato così a spettacolonews.com (data 16 marzo 2019): “il momento difficile per me è stato quando con la vecchia casa discografica volevano che la mia musica fosse più commerciale e diretta ad un pubblico che ormai sta cambiando, così come me. Ho sempre cercato di dare attraverso le mie canzoni qualcosa di più. Non credo che la musica debba essere soltanto un prodotto commerciale. È una forma sublime di comunicazione e per questo mi sono trovato a dover fare delle scelte quindi ho fondato una etichetta e ho continuato a portare avanti le mie idee e quello in cui ancora credo”. Nel 2018, dopo vari singoli, Di Cataldo torna in auge grazie alla partecipazione a “Ora o mai più” e “Tale e Quale show” : “un anno davvero molto importante, sono state esperienze impegnative ma anche divertenti e credo mi abbiano stimolato ancor di più a ad andare avanti in un percorso artistico fatto sì di canzoni, ma anche a livello personale ho ritrovato l’umorismo e ho lasciato emergere anche il mio lato più brillante”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA