Massimo Lopez/ “Da bambino ero timido, pensavo di non poter fare l’attore. Poi…”

- Stella Dibenedetto

Massimo Lopez, ospite di Io e Te, ricorda i suoi inizi in teatro e racconta i grandi successi professionali, ma anche i dettagli della sua infanzia.

massimo lopez min
Massimo Lopez a Io e Te - Screenshot da video

Massimo Lopez, attore, conduttore e showman, si racconta nel salotto di Io e Te in un faccia a faccia intimo ai microfoni di Pierluigi Diaco. “Quando ho iniziato, nel 1975, avevo 23 anni ed è quello che volevo fare da bambino però pensavo che non ci sarei mai riuscito. Mi divertivo anche a suonare il piano, la fisarmonica, cantavo in un vecchio laboratorio a Napoli gestito da mia nonna dove le ragazza facevano le camicie e per intrattenere queste ragazze mi nascondevo dietro le colonne e cantavo canzoni napoletano. Non ho mai imparato un mestiere e mantenevo questo come sogno perchè a scuola ero impaurito anche quando andavo alle interrogazioni e, quindi, essendo molto timido, pensavo di non poter fare mai l’attore”, ricorda. Tutto, poi, cambiò quando il fratello Giorgio lo spinse a fare un provino. “Poi mio fratello Giorgio che ha fatto l’Accademia d’arte drammatica, mi disse che Lo Stabile di Genova cercava deglia ttori giovani per un ruolo importante e io mi presentai a questo provino. Cercavano un 17enne biondo e mi presentai io che avevo 23 anni, bruno e con i baffi. Feci il provino e mi presero per tre anni che poi mi rinnovarono e restai per 8/9 anni“, aggiunge.

MASSIMO LOPEZ: “I SOCIAL HANNO CAMBIATO TUTTO”

Massimo Lopez ha trascorso la sua infanzia girando l’Italia prima ancora di farlo lavorando a teatro. A guidare la vita di Massimo e dei suoi fratelli è stata la madre. “E’ stata una mamma molto presente. Noi siamo cinque fratelli. In casa c’era lei e la nonna. Eravamo sei maschi con mio padre e due femmine. Papà lavorava in banca e ha cominciato a lavorare a Napoli. Nascono i miei due fratelli, Giorgio e Marcello e poi mio padre disse che ci saremmo dovuti trasferire ad Ascoli Piceno dove sono nato”, racconta Lopez che, durante l’infanzia, per i continui trasferimenti di lavoro del padre, ha girato l’Italia vivendo in diverse città. “Nonostante la fatica, mia madre era un’attrice e riusciva a trasformare tutto in un gioco. Mia madre era molto intelligente e attiva mentre mio padre era molto equilibrato con lei“, racconta ricordando la sua infanzia. Sempre meno presente in televisione se non come ospite, Lopez ammette che la televisione di un tempo è effettivamente diversa da quella di oggi. “I social hanno cambiato tutto”, conclude.

© RIPRODUZIONE RISERVATA