MATILDE GIOLI/ “In attesa di una ripartenza difficile da immaginare” (Sanremo 2021)

- Raffaele Graziano Flore

Matilde Gioli, ospite questa sera a Sanremo 2021: la 31enne attrice milanese ‘duetterà’ sul palcoscenico del Teatro Ariston assieme ad Emma Marrone.

matilde gioli sanremo 2021 640x300
Matilde Gioli a Sanremo 2021

«Mi chiamo Matilde e nella vita faccio l’attrice», comincia così l’intervento di Matilde Gioli al fianco di Alessandra Amoroso al Festival di Sanremo 2021. «È un tempo difficile, troppi abbracci sono negati, troppe persone sono diventate invisibili e troppi affetti sono andati via per sempre. Ognuno di noi ogni giorno ha paura», ha proseguito l’attrice salendo sul palco dell’Ariston. «Noi abbiamo avuto la grande fortuna di poter realizzare i nostri sogni, ma un sogno come il nostro ha bisogno del battito di altri cuore, vive del respiro, delle braccia e delle mani di altre persone, che grazie alla loro passione e alla loro professionalità rendono questo sogno un mestiere».

Il discorso di Matilde Gioli e Alessandra Amoroso riguarda i lavoratori del mondo dello spettacolo “bloccati” dalle restrizioni anti Covid. «Le loro vite, ancor più delle nostre, sono sospese in attesa di una ripartenza difficile da immaginare e di aiuti che non sono ancora arrivati». L’auspicio è che possano tornare a lavorare. (agg. di Silvana Palazzo)

MATILDE GIOLI A SANREMO 2021

Matilde Gioli sarà nel cast di ospiti della quarta serata di Sanremo 2021: per la 31enne attrice milanese, reduce dal clamoroso successo della serie tv “Doc – Nelle tue mani” si tratterà di fatto dell’esordio sul prestigioso palcoscenico del Teatro Ariston a differenza di Mahmood e Alessandra Amoroso, le altre guest star scelte da Amadeus. Nel caso di Matilde Gioli, nome d’arte di Matilde Lojacono, la sua partecipazione prevede in scaletta un momento tutto al femminile assieme a Emma Marrone che già nella terza serata di ieri è stata protagonista di uno dei momenti più iconici di questo Festival col tableaux vivant realizzato assieme a Monica Guerritore e Achille Lauro.

Ma cosa dobbiamo aspettarci dall’ospitata della Gioli nella penultima serata di Sanremo 2021? Come al solito è tutto top secret e, in un’edizione caratterizzata dall’assenza di pubblico e dalle note limitazioni, saranno sicuramente la creatività e le capacità istrioniche dell’attrice e della cantante salentina a inventare qualcosa in quello che è sicuramente uno dei momenti più attesi assieme all’altro in cui la stessa Emma poi duetterà con la conterranea Alessandra Amoroso. Quello che è certo è che sarà un venerdì sera tutto in rosa e che testimonia la volontà di questo Festival di dare ancora più spazio all’altra metà del cielo negli intermezzi tra le varie canzoni.

MATILDE GIOLI CON EMMA MARRONE A SANREMO 2021

In attesa di scoprire cosa dirà questa sera Matilde Gioli, nei giorni scorsi la 31enne attrice originaria di Milano ha concesso una bella e lunga intervista al sito di L’Officiel Italia e in cui, pur non accennando alla sua puntatina sanremese, si è comunque raccontata a 360° tra personale e carriera. “Sono diventata attrice quando avevo 21 anni ed ero iscritta a Filosofia: poi un giorno mi fermano perché cercavano una cinquantina di ragazzi come comparse ne ‘Il capitale umano’ (…) Poi mi richiamano alcuni mesi dopo dicendo che il regista, paolo Virzì, vuole vedermi per un ruolo” ha spiegato la Gioli, aggiungendo che nel frattempo il padre, poi venuto a mancare, si era ammalato.

“Da lì non ho mai smesso di lavorare, non ho avuto la formazione al mestiere di attrice: nel mio percorso è stata fondamentale la mia agenzia, Volver” ha poi ammesso candidamente nel prosieguo dell’intervista, in cui ha poi rivelato chi sono i registi dei suoi sogni e con cui le piacerebbe lavorare. “Con Guy Ritchie in una action comedy, con Martin Scorsese o con Christopher Nolan: questo nel mondo dei sogni, ma so che non succederà mai” ha detto, precisando che tornando alla realtà le piacerebbe recitare in un film di Matteo Garrone. E i ruoli, nonché i volti, femminili che la ispirano? “Quello della principessa guerriera Xena oppure Tomb Raider (si riferisce a Lara Croft, NdR)” ha precisato mentre tra le muse ispiratrici hollywoodiane cita Meryl Streep, Julianne Moore, Jennifer Lawrence e Natalie Portman.

© RIPRODUZIONE RISERVATA