Matteo Salvini/ “Letta? Pessimo gusto su Open Arms. Disgustato da Grillo”

- Carmine Massimo Balsamo

Matteo Salvini al Maurizio Costanzo Show: “Discriminare in base al colore della pelle o dei gusti sessuali è da trogloditi. Sul governo…”

matteo salvini
(Maurizio Costanzo Show)

Matteo Salvini a tutto tondo ai microfoni del Maurizio Costanzo Show. «Perché dovremmo staccare la spina al governo? Siamo appena partiti. Mattarella ha chiesto uno sforzo ai partiti per superare la pandemia, non so quando ne usciremo: siamo appena all’inizio di un percorso, sarei un cretino se pensassi alla fine di un percorso appena cominciato. Non ho voglia di litigare, nei limiti del possibile», ha esordito il segretario federale della Lega: «Noi staremo tranquilli al governo se vinceremo le elezioni amministrative di ottobre».

Dopo aver commentato gli scontri in piazza degli ultimi giorni – «ho fatto il ministro dell’Interno, per quel che mi riguarda chi mette le mani addosso a un carabiniere o un poliziotto va in galera. Poi i lavoratori io li ascolto sempre e comunque, a prescindere»Matteo Salvini si è soffermato sull’abuso di psicofarmaci dei più giovani, i più colpiti dalla pandemia: «Non aiutano quei politici che sostengono che prendere alcune droghe non faccia così male: la droga è merda e morte sempre, non esistono droghe buone o droghe cattive. La droga è droga».

MATTEO SALVINI: “LETTA? PESSIMO GUSTO SU OPEN ARMS”

Matteo Salvini ha poi parlato degli scontri all’interno del governo, a partire dagli attacchi del segretario Pd Enrico Letta: «Gli italiani mi pongono problemi di salute e lavoro. Non ho voglia di litigare, secondo me Letta ha avuto pessimo gusto a farsi una foto con la felpa di Open Arms. Mi dà più fastidio la divisione su alcuni temi. Io lo ribadisco: per me uno può fare l’amore con chi vuole e dormire con chi vuole, non mi interessa se uno è etero, gay o trans, e se uno insulta, discrimina o aggredisce va in galera come il codice penale già prevede. Discriminare in base al colore della pelle o dei gusti sessuali è da trogloditi. Ma questo non mi può impedire di pensare che un bimbo abbia bisogno di una mamma e di un papà per venire adottato, e che l’utero in affitto e i bambini in vendita siano un abominio e una follia, senza passare per omofobo o retrogrado – ha precisato Matteo Salvini al Maurizio Costanzo Show – Con i bimbi e con le donne non si gioca. Io vorrei che la donna non fosse in vendita come madre surrogata».

MATTEO SALVINI: “DISGUSTATO DALLE PAROLE DI GRILLO”

Matteo Salvini ha poi analizzato il caos sulla giustizia: «Partirei dalla giustizia civile e dalla giustizia tributaria: ci sono 5 milioni di italiani che aspettano da anni una sentenza.  Ci sono milioni di italiani sotto sequestro della lentezza dei processi. E vorrei che, come tutti gli altri lavoratori, anche un giudice se sbaglia, condono, o se fa ritardi, paga». Poi una battuta sulla vicenda di Beppe Grillo: «Non commento la rabbia del papà, perché la politica deve fermarsi sull’uscio di casa, e non godo dei drammi altrui. La cosa che più mi ha colpito e mi ha disgustato è che il segretario del M5s ha detto che suo figlio è innocente perché la ragazza che ha denunciato lo stupro, ha denunciato giorni dopo – ha rimarcato Matteo Salvini – ma come cacchio ti permetti di entrare nella vita privata di una ragazza che ha denunciato una violenza. Non siamo nel Medioevo».



© RIPRODUZIONE RISERVATA