MAURA TIRILLÒ/ “Quando ho iniziato a guidare il taxi a Roma lo facevano solo 5 donne”

- Emanuele Ambrosio

Maura Tirillò tra le protagoniste della nuova puntata de Le Ragazze su Rai3: la tassista è tra le ideatrice del servizio Taxi Amico

Maura Tirillò

Maura Tirillò è una ragazza degli anni ’70 che ha deciso di fare la tassista. Lo racconta nel corso della nuova puntata de Le Ragazze su Rai 3, partendo col raccontare qualche aneddoto della sua infanzia: “Il mio papà aveva una sartoria, che stava nell’abitazione dove vivevamo, come si usava una volta. Ricordo l’odore delle stoffe, il profumo e la sensazione di toccarle.” Ricorda così i suoi studi: “Io volevo fare il fisico nucleare, stavo compilando la domanda quando mia madre scoprì che c’erano solo 4 donne iscritte e, dunque, era una scuola prettamente maschile. Così non mi iscrisse. Feci due anni di classico, poi arrivai a ragioneria.” Da qui poi alla guida del taxi: “Quando ho iniziato io a Roma lo facevano solo 5 donne.” ha raccontato la donna. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Chi è Maura Tirillò, l’ideatrice di Taxi Amico

Maura Tirillò tra le protagoniste della nuova puntata de Le Ragazze, il programma di Rai3 che punta l’attenzione su storie di vita di donne che sono state ventenni negli anni ’40, ’50, ’60, ’70, ’80, ’90. Non solo, il format da voce anche a giovani donne di oggi che, grazie al loro sguardo perspicace ed attento, hanno illuminato e in alcuni casi continuano a farlo illuminano gli eventi della nostra storia passata e recente. Tra questi c’è anche  Maura Tirillò, la giovane ribelle nella Roma infuocata degli anni ‘70 e tassista a partire dalla metà degli anni ’90, quando a guidare i taxi nella Capitale c’erano soltanto 5 donne per quasi 5000 vetture. Proprio la tassista ribelle recentemente è stata l’ideatrice del servizio Taxi Amico che ha giocato un ruolo importantissimo durante la pandemia da Coronavirus.

Maura Tirillò, la sua storia a Le Ragazze su Rai3

A raccontare come è nato questo servizio è stata proprio Maura Tirillò, la tassista ribella che, intervistata da Il Messaggero, ha raccontato “il servizio è nato per tasportare spesa e farmaci e alla fine ha veicolato in superficie l’estrema solitudine che c’è anche nella nostra Roma che sta soffrendo tanto senza bar e ristoranti aperti, senza angoli delle piazze dove fermarsi a parlare”.

E’ Maura Tirillò a ricevere e processare le telefonate in entrata al Taxi Amico, un servizio che si occupa del trasporto di farmaci e spese a chi non possibilità di spostarsi. Durante questa lunga pandemia, Maura si è resa conto di quanto la gente abbia bisogno di colloquiare e chiacchierare, ma anche di voler tornare alla vita di sempre. Non solo, c’è chi ha delle richieste davvero particolari: come riportargli a casa il cane oppure chi richiede un supporto ed aiuto per spostare pacchi e scatoloni a causa di un improvviso allentamento da casa. E ancora: richieste del tipo “dica al tassista che pranziamo assieme” col tassista costretto a rifiutare per rispettare le regole anti Covid-19.



© RIPRODUZIONE RISERVATA