Maurizio Ganz nuovo allenatore Milan donne/ L’ex bomber sostituisce Carolina Morace

- Matteo Fantozzi

Maurizio Ganz nuovo allenatore Milan donne, l’ex attaccante rossonero prende il posto di Carolina Morace ed è pronto a guidare le ragazze rossonere.

maurizio ganz 2019 lapresse
Maurizio Ganz nuovo allenatore Milan donne (La Presse)

Maurizio Ganz è il nuovo allenatore del Milan Donne, l’ex bomber va a sostituire Carolina Morace che bene aveva fatto in questa stagione. La società rossonera ha ufficializzato l’arrivo sul suo sito con un comunicato specificando come il tecnico sarà sulla panchina dal primo luglio con un contratto di due anni. Di lui ha parlato il direttore tecnico della squadra meneghina Paolo Maldini che ha specificato: “Maurizio Ganz ha sempre espresso nella sua carriera spiccate doti di leadership e grande mentalità con una cifra tecnica davvero significativa. Sono certo che con la sua guida tecnica le ragazze continueranno il loro percorso di crescita sia individuale che collettivo a beneficio della nostra squadra”. Vedremo se riuscirà a rompere l’egemonia di una Juventus per due volte di fila campione d’Italia.

Maurizio Ganz nuovo allenatore Milan donne: una carriera da bomber

Interessante è andare a ripercorrere la carriera da calciatore di Maurizio Ganz nuovo allenatore del Milan donne. Nato a Tolmezzo 13 ottobre del 1968, cresciuto nella primavera della Sampdoria proprio coi blucerchiati ha debuttato da professionista. Dopo un lungo peregrinare tra Monza, Parma, Brescia e Atalanta il salto di qualità lo fa nel 1995 quando passa all’Inter, con i nerazzurri giocherà 68 partite, segnando 26 reti. Dal 1997 inizia la sua carriera al Milan dove segna appena 9 gol in due stagioni ma riesce anche a vincere lo Scudetto. Inizia ancora a viaggiare ancora tra Venezia, di nuovo Atalanta, Fiorentina, Ancona, Modena, Lugano e per chiudere cn la Pro Vercelli. Il suo debutto da allenatore arriva nelle giovanili della Masseroni nel 2007. Dopo aver guidato gli Allievi dell’Aldini Bariviera ha guidato Berretti e Primavera del Varese per poi diventare allenatore in sequenza di Ascona, Bustese, nuovamente Ascona e Taverne.



© RIPRODUZIONE RISERVATA