Mauro Colagreco, chi è ?/ I segreti del 3 stelle Michelin: su 50BS è il numero uno al mondo!

- Jacopo D'Antuono

Chi è Mauro Colagreco ospite di Masterchef Italia 2021? Il 3 stelle Michelin con il suo ‘Mirazur’, numero uno al mondo per la classifica “50 Best Restaurants”.

ristorante cucina pixabay 640x300
Ristorante (Foto: Pixabay)

Chi è lo chef Mauro Colagreco ospite alla finale di Masterchef Italia 2021

Mauro Colagreco, 3 stelle Michelin con il suo ‘Mirazur’, numero uno al mondo per la classifica “50 Best Restaurants”. Basterebbe questo per descrivere la grandezza, questa sera guest star per la finale di Masterchef Itaila 2010. Il cuoco argentino, classe 1976, si scopre appassionato di cucina fin dalla tenera età. Dopo gli studi e la qualifica come chef, Colagreco si trasferisce in Francia per ampliare le sue conoscenze ed entrare in contatto con gli esperti del settore gastronomico francese. In questo periodo comincia a collaborare con volti molto importanti del mondo della ristorazione, iniziando da Bernard Loiseau con cui collabora fino al fino alla sua morte nel 2003. Ad un certo punto Mauro Colagreco si sposta a Parigi, dove ha modo di lavorare con Alain Passard a l’Arpège e con Alain Ducasse presso l’Hotel Plaza Athénée.

Mauro Colagreco, chef tristellato: quanti premi! Il suo ristorante è in cima alle classifiche!

Ben presto Mauro Colagreco fonda il ristorante Mirazur a Mentone, una perla di rara eccezionalità nel mondo della ristorazione. In appena sei mesi riceve il premio “Rivelazione dell’Anno” e poco dopo ottiene anche la sua prima stella Michelin. Il Mirazur diventa molto rapidamente uno dei migliori ristoranti al mondo riuscendo a piazzarsi persino nella speciale classifica dei 50 migliori ristoranti del mondo S.Pellegrino. Mauro Colagreco vive un momento d’oro e nel 2012 conquista la seconda stella Michelin. Inizia a lavorare in tv per il programma Top Chef Italia, 2019 arriva la terza stella Michelin e sempre nello stesso anno il suo ristorante viene proclamato il miglior ristorante del mondo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA