Mauro Icardi al Psg/ Inter “adieu”: visite ok, ora in sede per firma con Wanda Nara

- Silvana Palazzo

Mauro Icardi al PSG: accordo con l’Inter per la cessione. Affare da 70 milioni di euro per i nerazzurri. Visite mediche ok: argentino verso sede parigini, lo attende Wanda Nara per le firme.

icardi
Mauro Icardi (Lapresse)

Mauro Icardi è letteralmente a pochi passi dal diventare un nuovo calciatore del PSG. L’attaccante argentino dopo aver sostenuto le visite mediche si sta infatti dirigendo presso la sede del club parigino per firmare il contratto che darà inizio alla sua nuova avventura professionale dopo quella, conclusa malissimo, con la maglia dell’Inter. Come riportato da Gianluca Di Marzio, esperto di calciomercato di Sky Sport, ad attenderlo nella sede del PSG troverà la moglie-procuratrice Wanda Nara, che lo ha preceduto per sistemare gli ultimi dettagli relativi al contratto. Sta andando dunque in porto il caso dell’estate: c’è voluto l’ultimo giorno di calciomercato per concretizzare un’operazione che ha tenuto con il fiato sospeso tutti i tifosi dell’Inter, desiderosi di archiviare l’argentino – considerato ormai un problema – ma possibilmente senza regalarlo ad una diretta avversaria in Italia. (agg. di Dario D’Angelo)

ICARDI AL PSG: ORA LE VISITE MEDICHE

Sta per concludersi la trattativa di calciomercato che porterà Mauro Icardi al Paris St Germain. La moglie Wanda Nara nella notte ha trovato l’accordo con Beppe Marotta per il rinnovo del contratto con l’Inter fino al 2022 con adeguamento. Poi il PSG e il club nerazzurro si sono accordati per un prestito oneroso di 5 milioni di euro con diritto di riscatto fissato a 65 milioni di euro. Arrivato poco dopo mezzogiorno a Malpensa, Icardi, la moglie Wanda Nara e l’agente Giuffrida sono partiti per Parigi con un volo privato. Nel frattempo il club francese ha pubblicato un tweet sospetto: c’è la foto di Di Maria e due occhi che osservano con circospezione. Lui e Icardi sono nati nella stessa città, Rosario, in Argentina. È forse un indizio? Di sicuro Icardi poco dopo le 16 è entrato con la moglie nella sede del PSG per firmare il contratto. Con le visite mediche superate, è ora attesa l’ufficialità del trasferimento. (agg. di Silvana Palazzo)

INTER, MAURO ICARDI VOLA DAL PARIS ST GERMAIN

Mauro Icardi al Paris St Germain. Il club francese ha trovato l’accordo con l’Inter per il trasferimento dell’attaccante argentino, che ha detto sì dal canto suo all’affare. La svolta è stata annunciata in Francia. Secondo quanto riportato da RMC Sport, Icardi si trasferirà in prestito. La partenza del giocatore è prevista oggi alle 15, poi le visite mediche dopo l’arrivo a Parigi, previsto per le 17. Sky Sport ha rivelato le cifre e la modalità finale che Inter e PSG hanno concordato per portare a termine il colpo di calciomercato. Si parla di prestito con diritto di riscatto per un totale di 70 milioni di euro. Questo vuol dire che Icardi dovrà rinnovare il contratto con l’Inter prima di firmare quello col Paris St Germain. Restano al momento da definire pochi dettagli tra le due società. Ma dopo due mesi di chiacchiere e immobilismo, ecco una svolta nell’ultimo giorno di calciomercato estivo.

INTER, MAURO ICARDI AL PARIS ST GERMAIN: SÌ ALLA CESSIONE

L’affare si è sbloccato nella notte. Wanda Nara, moglie e agente di Mauro Icardi, era a Tiki Taka quando la trattativa è entrata nel vivo. «I club in ballo sono due», ha detto in televisione prima di lasciare lo studio. Il riferimento era all’Atletico Madrid e al Valencia. Nella notte però la procuratrice ha avuto contatti con gli intermediari del Paris St Germain. In questi minuti l’entourage di Icardi, secondo quanto riportato da calciomercato.com, è arrivato all’hotel in cui si definiscono le trattative. C’è ottimismo per la chiusura dell’operazione, visto che è stato trovato l’accordo. La sensazione è che questo affare possa poi sbloccare anche la battaglia legale aperta dall’avvocato con l’Inter. Di sicuro è un’operazione che accontenta tutti: l’Inter, visto che Icardi non rientrava più nei piani, e Icardi, che può rilanciarsi in un grande club. Del resto anche ieri sera Conte è stato chiaro: se fosse rimasto, non l’avrebbe fatto giocare. E lo sono stati pure i tifosi, seppur con le minacce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA