Max Pezzali/ “Finita la quarantena correrò a Roma per abbracciare mio figlio”

- Morgan K. Barraco

Max Pezzali è stato ospite della Toffanin per raccontare gli aneddoti legati alla sua carriera. Oggi, l’intervista viene riproposta a Verissimo – Le Storie.

Max Pezzali 883
Max Pezzali (Facebook)

Max Pezzali è intervenuto a Verissimo – Le Storie, il rotocalco televisivo di Silvia Toffanin. Il cantautore, ex voce degli 883, racconta in un video inedito come sta trascorrendo questi giorni di quarantena. “Reinventare il mio tempo” – precisa il cantante che rivela “organizzo la mia giornata, lavoro alla musica e ci incontriamo con mia moglie per cucinare, pranzare e vedere le nostre serie televisive”. Max sottolinea come questi momenti di isolamento forzato sia importanti per dedicarsi alle cose che più ci piacciono: “bisogna trovare il tempo per fare le cose che ci piacciono” – rivelando quale sarà la prima cosa che farà una volta che potrà uscire di casa – “quando sarà finita la quarantena correrò a Roma per abbracciare mio figlio che sto vedendo solo in cam”. In attesa di poter riabbracciare il figlio, Max sta completando il suo ultimo album di inediti: “sto lavorando all’album nuovo, sto cercando di definire”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)  

Max Pezzali: “Angiolina Jolie? La scartammo per Alessia Merz nel film Jolly Blue”

Max Pezzali ha diversi aneddoti da raccontare: la sua lunga carriera gli ha permesso di collezionare una serie di ricordi e retroscena che ha rivelato a Silvia Toffanin qualche tempo fa. Ospite della padrona di casa nel 2017, Max ha svelato che Angiolina Jolie è stata scartata a favore di Alessia Merz durante i casting del film Jolly Blue, con la regia di Stefano Salvati. Oggi, sabato 25 aprile 2020, Verissimo – Le Storie ritrasmetterà proprio l’intervista a Max Pezzali in cui il cantautore ha parlato dell’aneddoto legato alla Jolie. “La storia è vera, lei fece il casting e qualcuno disse che aveva un viso interessante”, ha detto Pezzali, “qualcuno tra il regista e il producer disse, però, che non andava bene”. Angelina, a quei tempi, non godeva di certo della fama internazionale ottenuta poco dopo: all’epoca aveva solo 23 anni e una carriera ancora da scalare. La Merz invece era finita già sotto ai riflettori italiani grazie al ruolo di velina in Striscia la Notizia, poi alla guida di Meteore e Saranno Famosi. Per la Jolie, però, è stato solo un piccolo scivolone: un anno più tardi ha raggiunto la notorietà grazie al film Ragazze interrotte di James Mangold e come co-protagonista di Winona Rider. Un lavoro che le ha permesso di conquistare l’Oscar come miglior attrice protagonista. Clicca qui per guardare il video di Max Pezzali.

Max Pezzali attivissimo su Instagram

Max Pezzali non è rimasto con le mani in mano, anche in questo periodo così difficile per tutti i cittadini del mondo. Dopo aver annunciato tempo fa che avrebbe presto rivisitato il singolo Sembro matto, il cantante ha mantenuto fede alla parola data e ha accolto al suo fianco Tormento e Big Fish – gli ex Sottotono – per realizzare un remix dal sound anni Novanta. Il brano è già stato diffuso lo scorso 17 aprile, mentre per adesso sembrano confermati i live dei prossimi 10 e 11 luglio. Pezzali, così come tanti altri big della musica italiana, è in attesa di scoprire l’evoluzione della fase 2 dell’emergenza Coronavirus e il destino dei suoi concerti. Intanto, Max non si ferma, e ai social sceglie di fare molto di più: “Ecco Sei un mito in una versione special”, scrive su Instagram, allegando un’altra rivisitazione della sua hit con i Gemelli di Guidonia. Anche se in realtà il richiamo sembra più dirigersi verso i Neri per caso. Clicca qui per guardare il video di Max Pezzali. In diretta con Giorgio Panariello, il cantante ha inoltre raccontato un po’ della sua vita privata. Sia lui che il comico infatti condividono la passione per i fumetti di un noto brand. “Dai tempi in cui Marvel non era Marvel di adesso, non se la filava nessuno”, ha detto Max, “il fumetto americano in quel periodo cercava di inseguire la moda dei manga”. Immediato il collegamento fra questo amore per il fumetto e una delle vecchie hit dell’artista, Hanno ucciso l’Uomo Ragno.



© RIPRODUZIONE RISERVATA