Maxi processo Spada/ Per Cassazione è mafia: confermata accusa al clan, ri

- Luca Bucceri

Maxi processo Spada, per la Cassazione si tratta di mafia: “Questa pronuncia consegna alla storia una verità processuale ora intangibile”

corte cassazione wikipedia 640x300.jpeg
Corte di Cassazione, Wikipedia

La Cassazione ha confermato l’accusa di associazione di stampo mafioso per il clan Spada. I giudici di piazza Cavour hanno sostanzialmente accolto le richieste del pg e disposto un nuovo processo d’appello per il duplice omicidio di due esponenti di un clan rivale, Giovanni Galleoni detto ‘Baficchio’ e Francesco Antonini detto ‘Sorcanera’, avvenuto il 22 novembre del 2011 nel centro di Ostia. L’esito del maxi processo era slittato negli scorsi giorni a causa di un problema di un componente del collegio che è stato sostituito.

Nell’udienza dello scorso 10 dicembre il sostituto procuratore generale della Cassazione Luigi Birritteri aveva chiesto di confermare l’associazione a delinquere di stampo mafioso per il clan del litorale sollecitando l’inammissibilità o il rigetto dei ricorsi degli imputati, chiedendo dunque sostanzialmente la conferma delle pene inflitte. Oggi la Cassazione ha confermato le accuse e ha messo al banco degli imputati Roberto Spada, già raggiunto da una condanna definitiva per la testata inferta ad un giornalista della Rai, Ottavio Spada (detto Marco) e Carmine Spada.

MAXI PROCESSO SPADA: MAFIA PRESENTE ANCHE A ROMA

“La sentenza della Cassazione riconosce in via definitiva lo scenario mafioso che ha a lungo condizionato la realtà di Ostia, segnata dal radicamento del clan Fasciani e del clan Spada”, ha osservato l’avvocato Giulio Vasaturo, legale di parte civile dell’associazione Libera. “Questa pronuncia consegna alla storia una verità processuale ora intangibile che vale a smentire quanti hanno sin qui minimizzato la presenza e la pervasività delle mafie nella città di Roma”.

Il maxi processo nasce dall’indagine della Dda di Roma, coordinata dai magistrati Michele Prestipino con Ilaria Calo’ e Mario Palazzi, che aveva portato il 25 gennaio del 2018 all’operazione ”Eclissi” con gli arresti eseguiti dai carabinieri e dagli agenti della squadra mobile. I reati contestati, a seconda delle posizioni, vanno dall’omicidio all’estorsione, all’usura. Tra gli episodi contestati c’è il duplice omicidio di due esponenti di un clan rivale, Giovanni Galleoni detto Baficchio e Francesco Antonini detto ‘Sorcanera’, avvenuto il 22 novembre del 2011 nel centro di Ostia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA