MEDUSA GIGANTE GRANDE COME UN UOMO/ Video, polmone di mare: cos’è

- Dario D'Angelo

Medusa gigante avvistata nel Mare d’Irlanda da un gruppo di sub: è un “polmone di mare”, ecco cos’è e i rischi per l’uomo.

medusa gigante 2019 facebook
Medusa gigante, foto da Facebook

Se uno dei vostri incubi ricorrenti è quello di trovarvi a contatto con una medusa allora vi consigliamo caldamente di non continuare a leggere: l’avvistamento di una medusa gigante compiuto da una squadra di sub in Cornovaglia potrebbe sconvolgervi non poco. Il gruppo si trovava a largo di Falmouth quando si è trovato a poca distanza da un “Polmone di mare” gigante grande quanto un uomo. Il ritrovamento ha entusiasmato i sub, come ha raccontato Lizzie Daly su Twitter:”Wow, stavamo facendo immersione a Falmouth ieri per concludere la Wild Ocean Week quando abbiamo incontrato questa gigantesco polmone di mare! Che modo straordinario di finire questa avventura sulla vita marina”. Le dimensioni medie del polmone di mare si aggirano sui 60 centimetri di diametro e i 10 kg di peso: proporzioni importanti ma di gran lunga inferiori a quella trovata nel Mare d’Irlanda.

MEDUSA GIGANTE GRANDE COME UN UOMO, VIDEO

La medusa gigante nota come polmone di mare ha in realtà un altro nome scientifico: si tratta di Rhizostoma pulmo, una scifomedusa caratterizzata da un cappello a forma semisferica opalescente, anche se tendenzialmente trasparente, sotto cui si diramano otto prolungamenti di tessuto “arricciato” da cui si prolungano altrettanti tentacoli. La definizione di polmone di mare deriva dal suo movimento, che ricorda appunto quello di un polmone. Come si può intuire dal fatto che i sub nuotassero vicino alla medusa, per quanto le sue dimensioni “mostruose” possano in ingannare, il polmone di mare è tendenzialmente inoffensivo. Si riscontrano arrossamenti solo in caso di particolare sensibilità ma in ogni caso è sempre meglio evitare di toccare i tentacoli. Qui sotto il video del viaggio nei fondali marini della Cornovaglia con l’incontro della medusa gigante!



© RIPRODUZIONE RISERVATA