Medvedev: “L’Occidente vuole distruggere la Russia”/ “A nessuno importa dell’Ucraina”

- Josephine Carinci

Medvedev, ex presidente russo, torna a parlare del conflitto in Ucraina e del ruolo dell’Occidente, schierandosi duramente contro Stati Uniti e NATO

Medvedev e Putin
Russia, Dmitry Medvedev e Vladimir Putin (LaPresse, 2020)

L’ex presidente russo, Dmitry Medvedev, è tornato a parlare di Occidente all’agenzia russa TASS. L’attuale vicepresidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, ha risposto alle domande sul ruolo dell’Occidente nel conflitto georgiano di 14 anni fa e sul legame tra quella guerra e quella in Ucraina. “Questo è un processo unico e un piano comune diretto contro la Russia. Consiste nel desiderio dell’Occidente, in primis degli Stati Uniti e di altri paesi anglosassoni, di sconvolgere la situazione nel nostro paese. Come? Attraverso i vicini, in prossimità dei confini della Russia. Gli americani erano cinicamente impegnati nell’addestramento delle forze armate georgiane, investendo molti soldi in questo processo. Un gran numero di istruttori furono inviati lì per mobilitare l’esercito georgiano. Erano carichi di armi. In effetti, stavano semplicemente spingendo il pazzo maniaco Saakashvili a scatenare un’aggressione contro la popolazione civile dell’Ossezia meridionale e le forze di pace russe. Invece di persuaderlo a cercare una soluzione pacifica al più complicato conflitto interetnico che vi è maturato. E fu sedotto”.

Secondo l’ex presidente, l’unico obiettivo dell’Occidente è distruggere la Russia: “In tutte le fasi dei negoziati, la Russia ha esortato a non usare la forza, si è rivolta alla parte georgiana con proposte per concludere gli accordi necessari con l’Abkhazia e l’Ossezia del Sud. Queste iniziative, purtroppo, sono state ignorate dal funzionario Tbilisi, dalla NATO, che era dietro di essa, e persino dall’ONU. La politica criminale degli Stati Uniti è perseguita in modo aggressivo in Ucraina. Con un sostegno molto più attivo dell’Unione Europea, che ha finalmente perso la sua indipendenza. E ora continuano a esercitarsi con l’Ucraina, del cui destino non importa assolutamente. L’obiettivo è lo stesso: distruggere la Russia. Questa è la causa principale del processo geopolitico estremamente aggressivo e russofobo avviato dall’Occidente”.

“La pace solo alle nostre condizioni”

Medvedev ha proseguito spiegando che quella della Russia non è un’aggressione, bensì “un’operazione militare”, termine ampiamente usato dalle parti del Cremlino. All’agenzia TASS ha dichiarato: “La nostra risposta è dura, ma attentamente studiata. La Russia sta conducendo un’operazione militare speciale in Ucraina e cerca la pace alle nostre condizioni. È nostro, dovremmo parlarne direttamente. E non con coloro che stanno cercando di imporci gli ex “partner” della comunità internazionale, assetati della sconfitta militare della Russia. Abbiamo i nostri interessi nazionali e li garantiremo con tutti i mezzi disponibili”.

Tornando ai fatti della Georgia di 14 anni fa, l’ex presidente ha continuato: “L’attacco a Tskhinval e ad altri insediamenti di questa repubblica iniziò inaspettatamente e in modo vile, con attacchi di artiglieria su edifici residenziali e strutture civili. Per ospedali e scuole. Secondo le forze di pace russe. Pertanto, il regime fantoccio controllato da Washington ha deciso di imporre la sua concezione di “democrazia” e “umanesimo” all’Ossezia del Sud. E restituirlo con la forza alla Georgia a costo di distruggere un’intera nazione. Naturalmente, siamo stati obbligati a rispondere. Non potevamo semplicemente asciugarci le lacrime e chinare la testa davanti a un idiota insanguinato, lasciando che le persone venissero fatte a pezzi da lui. Il fatto che abbiamo agito correttamente è stato confermato dall’intero corso degli eventi successivo. Compreso il fallimento inglorioso delle dottrine aggressive che il loro miserabile capo ha cercato di mettere in pratica con tale disinvoltura e pressione. Dopo poco tempo fu respinto dalla sua stessa gente. Tuttavia, non è rimasto inattivo per molto tempo e si è venduto volentieri alle figure “arancioni” in Ucraina. Vediamo i frutti della loro politica russofoba oggi in questo paese”.

“Nato? Né Ucraina né Georgia la vedranno”

Parlando poi della Nato, Medvedev si è schierato duramente contro “le promesse” a Ucraina e Georgia, e contro chiunque sia “ammalato” da questa idea: “Per quanto riguarda la NATO, il suo incessante desiderio di espandersi lungo i confini della Russia, come un tumore canceroso, è diventato un problema globale. Fa ammalare tutte le persone ragionevoli. Anche musicisti rock famosi come Roger Waters dei Pink Floyd sono condannati. Tuttavia, nella guida dell’Alleanza, sebbene siano dottrinari muschiosi, non sono dei completi idioti. Capiscono che è più costoso per loro stessi trascinare sui loro corpi paesi così trascurati, inoltre, quelli in una disputa territoriale con la Russia, come l’Ucraina o la Georgia. I costi saranno enormi. Pertanto, l’Alleanza sta facendo facce innocenti e fa dichiarazioni ipocrite che, dicono, la nostra politica della porta aperta nei confronti di questi stati rimane invariata. In ogni modo possibile si inchinano e sottolineano la loro collaborazione con loro. In altre parole, mentono come cani. E sembra che anche un ragazzo con la barba lunga con una maglietta verde di Kiev abbia smesso di credere a queste promesse. Penso che l’Ucraina e la Georgia non vedranno l’adesione né alla NATO né all’Unione europea, cui si può accedere solo attraverso l’apertura ristretta dell’Alleanza del Nord Atlantico”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA