MIA MARTINI, LOREDANA BERTÈ: “MI SENTO IN COLPA”/ “Mi manca disperatamente”

- Emanuele Ambrosio

La morte di Mia Martini fa ancora oggi troppo, tanto male. Lo sa bene la sorella Loredana Bertè che dal quel 12 maggio 1995 non si dà pace.

Loredana Bertè e Mia Martini
Loredana Bertè e Mia Martini in una foto d'epoca

Il primo pensiero di Loredana Bertè nel corso della sua nuova intervista a Verissimo va a sua sorella Mia Martini. Silvia Toffanin chiede infatti alla cantante se il suo pensiero voli spesso alla sorella e Loredana conferma con dolore: “Mi manca disperatamente, ogni giorno, ogni minuto.” Ammette di ritrovarla comunque sempre nella musica: “È quasi come una psicanalista, quando canto sto bene perché so che lo faccio per chi mi ama, per il mio pubblico”. Perla morte di Mia, d’altronde, Loredana ha rivelato di soffrire costantemente “Con lei è morta una parte di me”, ha ammesso infatti la celebre artista. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Loredana Bertè e il ricordo di Mia Martini

La morte di Mia Martini fa ancora oggi troppo, tanto male. Lo sa bene la sorella Loredana Bertè che dal quel 12 maggio 1995 non si dà pace. Una morte che ha scosso il mondo della musica tutta. Mia Martina, la voce più struggente della musica italiana ed internazionale, viene trovata senza vita nella sua casa di Cardano al Campo. L’autopsia sul cadavere dell’interprete di Almeno tu nell’universo ha stabilito che a causarne la morte sia stato un arresto cardiocircolatorio ma tanti sono i dubbi.

Spesso a lanciarli proprio la sorella Loredana Bertè che parlando della morte della sorella ha tirato in causa il padre padrone: “quando mi chiedono perchè sia così sicura che sia stata lui ad uccidere mia sorella, resto in silenzio, anche se avrei voglia di urlare. Lo so, è andata così. La scena me la sono immaginata tante volte. Lui che apre la porta, la trova a fumare una canna e inizia a picchiarla selvaggiamente. L’ha ammazzata di botte. Quando l’ho vista nella bara era piena di lividi”.

Mia Martini e Loredana Bertè: “il telefono di casa iniziò a squillare ma non risposi. Quella sera morì Mimì”

Un rapporto altalenante quello tra Mia Martini e Loredana Bertè terminato, in vita, senza un chiarimento. Sono tanti i rimpianti della sorella Loredana Bertè che ha raccontato: “molti anni fa mia sorella Mimì mi regalo un telefono cellulare. Era uno dei primi, ce n’erano pochissimi in circolazione. Il messaggio era chiaro, voleva che ci sentissimo ma io, senza un perché, lo gettai”. Un ricordo straziante quello della Bertè che ha poi aggiunto: “tempo dopo, il telefono di casa iniziò a squillare ma non risposi. Quella sera morì Mimì e io rimarrò sempre con il dubbio di aver perso la telefonata della vita”.

Il dolore di Loredana Bertè non trova pace: “non riesco a darmi pace per essere partita per un viaggio senza aver salutato Mimì, perché avevamo litigato per delle cazzate. Provo una sofferenza continua, mi sento in colpa. Con Mimì è morta una parte di me. Quando sono sul palco la sento dentro e do tutto”. Infine la Bertè ha confidato come festeggia il suo compleanno, il 20 settembre, giorno della nascita anche di Mia Martini: “metto due sigaretti davanti ad una nostra foto insieme e dico “Mimì questa è la tua sigaretta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA