Michael Ojo morto: infarto a 27 anni/ Basket, stava effettuando provino per Partizan

- Silvana Palazzo

Michael Ojo morto di infarto a 27 anni: basket in lutto. Il cestista stava effettuando provino per Partizan Belgrado: inutili i soccorsi

michael ojo 2020 lapresse 640x300
Michael Ojo (Foto: 2020, LaPresse)

Michael Ojo morto in allenamento. Dalla Serbia arriva una notizia terribile per tutto il mondo del basket: il centrale della Stella Rossa è stato stroncato da un infarto questa mattina. Il 27enne stava effettuando un allenamento a Belgrado quando è avvenuta la tragedia. E i media locali hanno rivelato la terribile notizia. Michael Ojo era noto per il potenziale fisico notevole, grazie al quale riusciva a dominare senza problemi. Nato a Lagos il 5 gennaio 1993, Michael Ojo cominciò la sua carriera al college, negli Stati Uniti, a Florida State. Poi Michael Ojo decise di cominciare quella professionistica in Serbia, destinazione FMP, l’altra squadra di Belgrado, che però dal 1970 al 2013 si è chiamata Radnicki. Messosi subito in evidenzia, Michael Ojo nelle ultime due stagioni ha giocato alla Stella Rossa, con cui ha disputato un’annata da quasi 10 punti a gara, per poi calare un po’ nel secondo anno, in particolare in Eurolega.

MICHAEL OJO MORTO DURANTE PROVINO COL PARTIZAN

Michael Ojo giocava in Serbia dal 2017. Con la Stella Rossa aveva vinto il campionato serbo e la Lega Adriatica. Con i suoi 2 metri e 16 centimetri, era uno dei giocatori di basket più alti in Europa. La sua esperienza con la Stella Rossa era comunque terminata. Stando infatti a quanto riportato da Repubblica, Michael Ojo stava effettuando un provino per essere tesserato dal Partizan Belgrado dopo l’esperienza con la Stella Rossa. Il cestista statunitense ma di origini nigeriane, secondo i giornali serbi, è stato portato in ospedale, dove però i medici non sono riusciti a rianimarlo. In queste ore sui social stanno crescendo i messaggi di cordoglio, come quelli dell’Eurolega, del Partizan, dell’Olympiacos e del Fenerbahçe, tutti scossi dalla tragica notizia della morte di Michael Ojo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA